Apri il menu principale
Vedrai, vedrai
ArtistaLuigi Tenco
Autore/iLuigi Tenco
GenereMusica d'autore
Musica leggera
Esecuzioni notevoliDalida, Ornella Vanoni, Mina, Renato Zero, Francesco Baccini, Tiziana Ghiglioni, Claudio Baglioni, Roberta Alloisio, Jack Savoretti Live from Venice
Pubblicazione
IncisioneLuigi Tenco
Data1965
EtichettaJolly Hi-Fi Records
Luigi Tenco – tracce
Precedente
Com'è difficile
Successiva

Vedrai, vedrai è una canzone scritta dal cantautore Luigi Tenco. Il brano, con l'arrangiamento di Ezio Leoni, faceva parte dell'album Luigi Tenco, inciso per la Jolly Hi-Fi Records[1] fu successivamente ristampato in una nuova versione per la RCA Italiana nel 1967 come Lato B del 45 giri Guarda se io/Vedrai vedrai[2]. Per risolvere armonicamente il brano, il cantautore si era avvalso della collaborazione del pianista jazz Renato Sellani[3].

Storia e significatoModifica

Il brano di Tenco è dedicato alla madre che l’aveva cresciuto da sola e che avrebbe voluto per lui un avvenire sicuro. La sua preoccupazione era di aver deluso la madre per aver seguito, senza troppo successo, la sua vocazione artistica e musicale.

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica