Apri il menu principale

Venanzio Lupacchini (Collimento di Lucoli, 19 maggio 1730L'Aquila, 20 ottobre 1775) è stato un medico e letterato italiano.

Indice

BiografiaModifica

Lupacchini nacque nel 1730 a Lucoli da una famiglia umile, che non intendeva farlo studiare; egli, allora, fuggì all'Aquila, dove compì i suoi primi studi letterari, per poi trasferirsi a Napoli, dove studiò medicina con il professor Francesco Serao e lettere classiche con Giacomo Martrelli.[1] Tornò poi all'Aquila, dove gli fu assegnata una cattedra di greco antico e una di diritto naturale e dove diventò prima preside delle Regie Scuole e poi direttore del Real Collegio.[2] Nell'estate del 1774 fu morso da un suo cane domestico, ma solo dopo quasi un anno iniziò a mostrare i segni della rabbia; ormai in fin di vita, decise di partire alla volta del Santuario doi San Domenico a Cocullo per ricevere la grazia, ma giunto a Fontecchio il 3 ottobre 1775 ordinò di essere riportato all'Aquila, dove morì pochi giorni più tardi.[3]

Ricerca e OpereModifica

NoteModifica

BibliografiaModifica