Apri il menu principale
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Verdigris (disambigua).
La Statua della Libertà presenta un rivestimento di rame che ha assunto questa colorazione a causa della prolungata esposizione alle piogge e alla vicinanza con il fiume

Verdigris è il nome comune per un pigmento verde attraverso l'applicazione di acido acetico su lastre di rame[1] o la naturale patina formata quando rame, ottone o bronzo vengono logorati ed esposti all'aria o all'acqua di mare per un lungo periodo. È solitamente un carbonato rameico basico, ma vicina al mare sarà un cloruro rameico.[2] Se l'acido acetico sarà presente durante il tempo di alterazione, esso può essere composto di acetato rameico.

Indice

EtimologiaModifica

Il nome verdigris deriva dal Middle English vertegrez, dall'antico francese verte grez, un'alterazione di vert-de-Grèce ("verde di Grecia"). La moderna grafia francese del termine è vert-de-gris. Fino a che venne utilizzato come pigmento per la pittura e altre opere d'arte (come colore verde) fu richiesto dagli artisti in Grecia. Veniva originariamente preparato ponendo lastre di rame in una pentola sigillata contenente aceto caldo fino a che non si formava una incrostazione verde sul rame.

UsiModifica

È utilizzato come fungicida o come catalizzatore nelle reazioni organiche. Viene usato anche come pigmento, spesso usato nella pittura.

Nomi alternativiModifica

  • Aeruca
  • Aerugo
  • Cristalli di Venere
  • Verdetto cristallizzato
  • Verde eterno
  • Verde di Grecia
  • Viride ranum

NoteModifica

  1. ^ "Verdigris" Oxford English Dictionary
  2. ^ Sharp, D. W. A: "Penguin Dictionary of Chemistry", page 419. Penguin Books, 1990 (2nd edition)

Altri progettiModifica