Apri il menu principale
Villino Rudinì
VillinoRudiniRoma.jpg
Veduta del Villino Rudinì
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneLazio Lazio
LocalitàRoma
Indirizzovia Quintino Sella 60
Coordinate41°54′29″N 12°29′35″E / 41.908056°N 12.493056°E41.908056; 12.493056Coordinate: 41°54′29″N 12°29′35″E / 41.908056°N 12.493056°E41.908056; 12.493056
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Costruzione1904-06
Stileeclettico
UsoSede della cancelleria e della sezione consolare dell'ambasciata del Giappone presso lo Stato italiano
Realizzazione
ArchitettoErnesto Basile
CommittenteAntonio Starabba, marchese di Rudinì

Il villino Rudinì è un edificio di Roma situato su via Quintino Sella, nel rione R. XVII Sallustiano.

StoriaModifica

Fu progettato e costruito tra il 1904 e il 1906 da Ernesto Basile per la famiglia di Antonio Starabba, marchese di Rudinì, due volte Presidente del Consiglio dei ministri del Regno d'Italia nel tardo Ottocento.

L'edificio è oggi sede della cancelleria e della sezione consolare dell'ambasciata del Giappone presso lo Stato italiano.

DescrizioneModifica

L'edificio si presenta come un severo parallelepipedo, arretrato rispetto all'asse viario e sviluppantesi perpendicolarmente a quest'ultimo. È composto da tre piani fuori terra più seminterrato ed attico (quarto piano ribassato). L'accesso all'edificio è possibile attraverso un avancorpo delimitato da tre archi a tutto sesto frontalmente e due lateralmente, che si erge davanti alla facciata principale ed è collegato alla strada da due rampe.

Esternamente, il villino mantiene l'impianto dell'architettura monumentale post-risorgimentale, ispirata alla rivisitazione di un'architettura genericamente classica, ed in particolare rinascimentale; su tale impianto si innesta tuttavia una decorazione ispirata alla modernità, ed in particolare al Liberty.

 
Il fregio dell'attico

Un rivestimento a bugnato avvolge l'edificio fino al primo piano; cornici marcapiano e bugnato delimitano verticalmente ed orizzontalmente i piani superiori. L'influsso del Liberty emerge nel disegno squadrato delle bifore dell'attico e negli elementi decorativi dello stesso, soprattutto nel fregio che si svolge per tutto il perimetro dell'edificio. Anche gli elementi decorativi delle cornici delle finestre, del portico, dell'inferriata e della cancellata esterna, questi ultimi sia metallici che lapidei, rimandano agli stilemi floreali dell'Art nouveau.

Internamente, i vani si articolano intorno ad un cortile centrale chiuso da un lucernario.