Giovanni e Vindelino da Spira

fratelli tedeschi, attivi come tipografi a Venezia all'incirca dal 1469 o 1470
(Reindirizzamento da Vindelino da Spira)

Giovanni e Vindelino da Spira (Johann e Wendelin von Speyer; Spira, XV secoloVenezia, XV secolo) sono stati due tipografi tedeschi, attivi nel XV secolo, famosi per aver introdotto la stampa a caratteri mobili a Venezia.

BiografiaModifica

Dopo aver appreso l'arte della stampa a caratteri mobili a Magonza i due fratelli emigrarono in Italia. Arrivati a Venezia, impiantarono il primo torchio tipografico nella città lagunare.

Avviarono subito la produzione: il primo volume stampato dai due fratelli furono le Epistulae ad familiares di Cicerone.[1] Sempre nel 1469 Giovanni stampò l'editio princeps della Naturalis historia di Plinio il Vecchio. Per quest'opera i due fratelli chiesero e ottennero dalle autorità veneziane il privilegio, in pratica il diritto a stamparla in esclusiva sul territorio della Repubblica, in questo caso, per cinque anni. Fu la prima volta che uno stampatore ottenne tale diritto[2]. Si trattò di un privilegio pro arte introducenda, data l'assoluta novità di tale tecnologia sul suolo della Serenissima[3]. Pochi mesi dopo Giovanni morì prematuramente, lasciando la moglie Paola, italiana, e due figli (un maschio e una femmina). Il privilegio decadde, né fu rinnovato per altri stampatori a Venezia[2].

Nel 1470 Vindelino terminò l'edizione del De civitate Dei di Sant'Agostino iniziata dal fratello. Paola sposò Giovanni da Colonia, un mercante tedesco attivo a Venezia, il quale finanziò le opere di Vindelino fino al 1477 e poi produsse libri in proprio[4]. I due stamparono classici latini (Plauto, Catullo, Marziale, Livio, Tacito, Sallustio) e opere liturgiche.
L'incunabolo più conosciuto di Vindelino fu la Bibbia in volgare di Nicolò Malermi (1471), la prima traduzione italiana a stampa della Bibbia.

Principali opere stampateModifica

Giovanni da Spira
Vindelino da Spira

NoteModifica

  1. ^ Il libro è datato M.CCCC.LXVIIII e sottoscritto dal solo Giovanni, il quale nel colophon in esametri dichiara di essere il primo a introdurre l'arte della stampa "nella capitale Adriatica" (Venezia) con questo suo primo lavoro: «Primus in Adriaca formis impressit aenis / Urbe Libros Spirā genitus de stirpe Iohannes / In reliquis sit quanta vides spes lector habenda / Quom labor hic primus calami superaverit artem» (c. 125v). La tiratura fu di trecento copie.
  2. ^ a b privilegio di stampa, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  3. ^ Angela Nuovo, Chris Coppens, I Giolito e la stampa nell'Italia del XVI secolo, Librairie Droz, 2005, pag. 174.
  4. ^ Giovanni da Colonia e Nicolas Jenson: stampatori a Venezia, su loppure.it. URL consultato il 5 marzo 2019.
  5. ^ PETRARCA, Canzoniere e Trionfi (miniato), su misinta.it. URL consultato il 5 gennaio 2019.

BibliografiaModifica

  • Vindelino da Spira, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  • Domenico Maria Pellegrini, Della prima origine della stampa in Venezia per opera di Giovanni da Spira del 1469, A. Zatta, 1794 (versione digitalizzata, contiene il testo completo del Privilegio)
Controllo di autoritàVIAF (EN207253281 · WorldCat Identities (ENviaf-207253281