Walking bass

tipo di accompagnamento jazzistico
Esempio di Walking bass

Walking bass è un termine con il quale si intende, di norma, in relazione al Contrabbasso, il tipico accompagnamento jazzistico con la scansione dei quarti, e la creazione di una linea di contrappunto estemporaneo che segue (e magari definisce) l'armonia del brano (o se ne allontana in modo più o meno forte).

Riferito al pianoforte invece si intende l'andamento della mano sinistra, usato soprattutto nel boogie-woogie, in cui ogni basso viene ripetuto all'ottava sopra, a tempo di crome. Oppure usato nello "stride piano".

Con l'utilizzo del Walking, il musicista tipicamente suona la tonica dell'accordo in battere, sul primo tempo della misura (in genere in 4/4); sul terzo tempo e, nel caso in cui lo stesso accordo si prolunghi per più di una misura, anche sul battere delle misure successive, invece predominano le altre note caratteristiche dell'accordo: terza, quinta, settima, specialmente quando quest'ultima è minore. Sui tempi deboli possiamo invece trovare generalmente quasi tutte le altre note sotto forma di tensioni (none, undicesime e tredicesime); particolarmente utili risultano essere anche i passaggi cromatici, specie nei cambi d'accordo: è di buon effetto infatti arrivare alla tonica del nuovo accordo cromaticamente, cioè introducendola con una nota posta un semitono più in alto o più in basso. Infine, perché l'accompagnamento in Walking risulti gradevole all'orecchio, devono evitarsi intervalli eccessivi fra note consecutive e il range d'esecuzione non deve superare, in genere, l'ottava e mezzo circa.

Jazz Portale Jazz: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di jazz