La Windstar Cruises è una compagnia crocieristica americana, particolarmente nota per avere una flotta composta da moderne navi da vela controllate da computer.

La Wind Surf nel Canale della Giudecca a Venezia 2015.

StoriaModifica

La Windstar Cruise fu fondata come Windstar Sail Cruises nel 1984 e la sua prima nave, la Wind Star fu varata nel 1986, e fu seguita dalla Wind Song che fu varata nel 1987 e dalla Wind Spirit che fu varata nel 1988. Furono ordinate altre due navi dal cantiere francese "Sociéte Nouvelle des Ateliers et Chantiers du Havre": Wind Surf e Wind Saga . Queste due navi dovevano essere più grandi degli originali, contenere il doppio del numero di passeggeri e raggiungere una lunghezza di 187 metri rispetto alle navi più piccole di 134 metri di lunghezza.

Nel 1987 Holland America Line (gruppo Carnival) acquistò il 50% di Windstar Sail Cruises. L'opzione per continuare a costruire Wind Surf e Wind Saga era passato da Holland America Line. Con l'assistenza del governo francese queste due navi più grandi furono costruite per Club Med come Club Med I e Club Med II, con Holland America Line che mantengono i diritti per l'acquisto. Alcuni anni dopo, Holland America Line pianificò di acquistare il Club Med I e il Club Med II. Tuttavia, la Windstar non fu in grado di acquistare Club Med I e Club Med II e rinominarle in Wind Surf e Wind Saga perché aveva solo risorse economiche per acquistare solo una. Quindi, nel 1998, Windstar acquisì il Club Med I da Club Med Cruises e la ribattezzò con il suo nome originale Wind Surf .

Nel marzo 2007, Carnival ha ceduto Windstar a Ambassadors International per $ 100 milioni.

Il 1 ° aprile 2011, la casa madre di Windstar Ambassadors International ha presentato domanda di fallimento. Un tribunale fallimentare nel Delaware ha tenuto un'asta di due giorni e Anschutz Corporation ha vinto Windstar Cruises con un'offerta di $ 39 milioni. La filiale Xanterra Travel Collection è ora la società madre.

Il 19 Febbraio 2013 è stato annunciato che Windstar ha completato l'acquisto da Seabourn Cruise Line di Star Pride, Star Legend e Star Brez. Lo Star Pride è entrato in servizio il 5 maggio 2014 con una crociera inaugurale da Barcellona, dopo alcuni aggiornamenti. Nel maggio 2015, entrano in flotta Star Breeze e Star Legend . Entrambi sono stati sottoposti a un bacino di carenaggio di tre settimane da $ 17 milioni a Genova, in Italia, prima di una cerimonia di battesimo a maggio. Nel 2016, Star Pride ha subito una ristrutturazione per rinnovare gli spazi pubblici, ampliare i posti a sedere all'aperto del ristorante Veranda e rinnovato il ristorante AmphorA.

Nel novembre 2018, Windstar ha annunciato che le tre navi: Star Pride, Star Breeze e Star Legend saranno allungati di 25,6 metri. Il lavoro fa parte dell'iniziativa "Star Plus" da $ 250 milioni della società. I lavori si svolgeranno presso il cantiere navale Fincantieri a Palermo, in Italia.

 
Vista di prua della Wind Surf.

FlottaModifica

Nome Costruito Costruttore Entrata in servizio per Windstar Stazza lorda Appunti
Wind Star 1986 Sociéte Nouvelle des Ateliers et Chantiers du Havre 1986 5.307 tonnellate La prima nave di Windstar Cruise
Wind Spirit 1988 Sociéte Nouvelle des Ateliers et Chantiers du Havre 1988 5.307 tonnellate
Wind Surf 1989 Sociéte Nouvelle des Ateliers et Chantiers du Havre 1998 14.745 tonnellate La più grande nave della flotta di Windstar Cruise era precedentemente Club Med 1 per Club Med
Star Pride 1988 Schichau Seebeckwerft 2014 9.975 tonnellate Precedentemente Seabourn Pride per Seabourn Cruise Line
Star Breeze 1988 Schichau Seebeckwerft 2015 9.975 tonnellate Precedentemente Seabourn Sprit per Seabourn Cruise Line
Star Legend 1990 Schichau Seebeckwerft 2015 9.975 tonnellate Precedentemente Seabourn Legend per Seabourn Cruise Line

Ex flottaModifica

Nome Costruito Costruttore Servizio inserito per Windstar Stazza lorda Appunti
Wind Song 1987 Sociéte Nouvelle des Ateliers et Chantiers du Havre 1987 - 2002 5.307 tonnellate La nave subì un incendio nella sala macchine il 1 ° dicembre 2002 e affondò il mese successivo il 22 gennaio 2003.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica