30 cm Raketenwerfer 56

30 cm Raketenwerfer 56
30 cm RW 56
30cmRaketenwerfer56.jpg
Un Raketenwerfer 56 (danneggiato) esposto al U.S. Army Field Artillery Museum, Fort Still, Oklahoma
Tipolanciarazzi multiplo
OrigineGermania Germania
Impiego
UtilizzatoriGermania Germania
ConflittiSeconda guerra mondiale
Produzione
Data progettazione1942-1944
Entrata in servizio1944
Ritiro dal servizio1945
Numero prodotto694
Descrizione
Peso1.004 kg
Calibro301 mm
Peso proiettile127 kg
Numero canne6
Velocità alla volata230 m/s
Gittata massima4.550 m
Elevazione-3°/+45°
Angolo di tiro22°30'
Carica45 kg
voci di armi d'artiglieria presenti su Wikipedia

Il 30 cm Raketenwerfer 56 o 30 cm RW 56 era un lanciarazzi multiplo tedesco usato dalla Wehrmacht durante la seconda guerra mondiale. Era un lanciarazzi destinato all'uso di munizioni a caricamento chimico e fumogeni da parte delle Nebeltruppen, la specialità tedesca per la guerra chimica.

StoriaModifica

Il sistema fu prodotto in 694 esemplari, che prestarono servizio dal 1944 al 1945 in tutti i teatri eccetto la Norvegia. I pezzi erano organizzati in batterie di 6 lanciatori, con tre batterie per battaglione. Questi battaglioni erano concentrati in Werfer-Regiments e Werfer-Brigades indipendenti.[1] Queste unità entrarono in azione sul fronte orientale, in Italia, in Francia e Germania nel 1942-1945.[2]

TecnicaModifica

Il lanciatore del 30 cm RW 56 era un complesso di lancio multiplo a 6 canestri, disposti su due file da tre. Ogni razzo era inserito in un canestro ottagonale di guide metalliche. Il complesso di lancio era incavalcato sull'affusto trainato derivato da quello del cannone anticarro 5 cm PaK 38. Il razzo ad alto esplosivo 30 cm Wurfkörper 42 Spreng, girostabilizzato ed attivato elettricamente, era lo stesso impiegato sul 30 cm Nebelwerfer 42. La voluminosa scia di scarico conteneva detriti e polvere, cosicché i serventi dovevano mettersi al riparo prima del lancio. Inoltre, per evitare il fuoco di controbatteria facilitato dalla stessa scia, i pezzi dovevano essere rapidamente spostati dopo il fuoco. I 6 razzi venivano lanciati uno alla volta a cadenza modulabile e non c'era la possibilità di tiro singolo. I canestri potevano montare delle guide interne per poter tirare i più piccoli 15 cm Wurfgranate 41 del 15 cm Nebelwerfer 41; quando non in uso, le guide venivano legate sopra al lanciatore.[3]

NoteModifica

  1. ^ Niehorster, Leo W. G. German World War II Organizational Series, Vol. 5/II: Mechanized GHQ units and Waffen-SS Formations (4 July 1943), 2005, pp. 52-3.
  2. ^ Kameradschaft, vols. 1 e 2.
  3. ^ Gander and Chamberlain, pp. 321-2.

BibliografiaModifica

  • Englemann, Joachim and Scheibert, Horst. Deutsche Artillerie 1934-1945: Eine Dokumentation in Text, Skizzen und Bildern: Ausrüstung, Gliderung, Ausbildung, Führung, Einsatz. Limburg/Lahn, Germany: C. A. Starke, 1974
  • Gander, Terry and Chamberlain, Peter. Weapons of the Third Reich: An Encyclopedic Survey of All Small Arms, Artillery and Special Weapons of the German Land Forces 1939-1945. New York: Doubleday, 1979 ISBN 0-385-15090-3
  • Kameradschaft der ABC-Abwehr, Nebel- und Werfertruppen e.V. Die Nebel- und Werfertruppe (Regimentsbögen). 2001

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Guerra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di guerra