AZ, un fatto come e perché

AZ, un fatto come e perché
PaeseItalia
Anno1970 - 1976
Genererotocalco
Lingua originaleitaliano
Crediti
ConduttoreEnnio Mastrostefano, Paolo Bellucci
IdeatoreLuigi Locatelli
RegiaEnzo Dell'Aquila
Rete televisivaProgramma Nazionale

AZ: un fatto come e perché (sigla grafica: Azeta - un fatto: come e perché; sigla musicale di Woody Herman, Hard to keep my mind on you[1]) è stato un rotocalco televisivo prodotto dalla Rai ed improntato a rotocalco giornalistico, andato in onda per sette stagioni sull'allora Programma Nazionale, dal 3 gennaio 1970 al 31 luglio 1976[2].

Era organizzato in maniera monotematica e affrontava in ogni puntata un diverso argomento di attualità sviscerato in ogni suo aspetto, con dibattiti in studio e materiale registrato in esterni.

Curato da Leonardo Valente, Salvatore Biamonte e Luigi Locatelli, andava in onda il sabato sera in seconda serata (ore 22).[3]

Nella sostanza, lo scopo della trasmissione era ricostruire - secondo il modello dell'analisi giudiziaria di cultura anglosassone - una "verità" plausibilmente condivisa riguardo ad uno specifico tema.

Regista del programma era Enzo Dell'Aquila; conduttore in studio Ennio Mastrostefano, che si alternava con Paolo Bellucci. Fra i collaboratori abituali Bruno Ambrosi ed Emilio Ravel.[3]

ArgomentiModifica

Tra i vari argomenti trattati dal programma figurano:[3]

NoteModifica

  1. ^   AZ, un fatto come e perché, su YouTube.
  2. ^ Alla TV, "La Stampa", Torino, 31 luglio 1976, p. 6.
  3. ^ a b c Aldo Grasso (a cura di), Enciclopedia della televisione, Garzanti, 2008.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione