Portale:Televisione

Portale Televisione

Il Portale Televisione si propone di presentare in modo organico argomenti riguardanti questo mezzo di comunicazione di massa e invitare alla navigazione satellitare secondo le diverse aree tematiche organizzate nelle apposite categorie.

Buona [tele]visione! ... tenendo in debito conto quanto è stato detto di lei ...

«Trovo la televisione davvero molto istruttiva. Ogni volta che qualcuno mette in funzione l'apparecchio, me ne vado nell'altra stanza a leggere un libro.»

(Groucho Marx)
Un apparecchio televisivo


 
La televisione

La televisione (dal greco τῆλε, "a distanza", e dal tema verbale Vid del verbo greco οραω vedere, in sigla TV), è la diffusione contemporanea di medesimi contenuti visivi e sonori, fruibili in tempo reale o con un breve ritardo, ad utenti situati in aree geografiche servite da apposite reti per telecomunicazioni e dotati di specifici apparecchi elettronici ed eventualmente impianti per telecomunicazioni.
Da un punto di vista sociologico la televisione è uno dei mezzi di comunicazione di massa tra i più diffusi e apprezzati e naturalmente anche tra i più discussi. Dal punto di vista del pubblico, la semplicità d'uso e l'attuale basso costo l'hanno portata ad affiancare sempre più efficacemente la stampa e la radio come fonte di informazione e soprattutto di svago grazie agli innumerevoli spettacoli offerti. Da un punto di vista tecnologico la televisione è invece un'applicazione delle telecomunicazioni.
Il termine "televisione" venne stabilito il 10 marzo 1947 durante la conferenza mondiale delle radiocomunicazioni di Atlantic City dai delegati di 60 nazioni che, altresì, stabilirono di adottare come abbreviazione la sigla "TV".

continua...
 
Foto del giorno
Telecomando

Il telecomando è un dispositivo elettronico che consente di inviare (ma non di ricevere) segnali ad un altro dispositivo situato a distanza. È in genere un oggetto di piccole dimensioni alimentato a batteria, fatto per poter essere tenuto agevolmente in una mano, o comunque trasportato facilmente da un luogo ad un altro senza necessità di spostare il dispositivo telecomandato.
continua...
 
Storia ed emittenti

Emittente televisiva è il nome attribuito alla struttura tecnico-imprenditoriale che si occupa della diffusione, istantanea (o con un breve ritardo) e contemporanea, in aree geografiche predisposte da un'apposita rete per telecomunicazioni, di contenuti visivi e sonori fruibili in tempo reale da utenti dotati di specifici apparecchi elettronici ed eventualmente impianti per telecomunicazioni. Ogni emittente televisiva ha un proprio nome che la identifica e un editore che ne cura i contenuti. I contenuti visivi e sonori diffusi agli utenti possono essere una ripresa della realtà, una creazione artificiale (i cartoni animati), o anche una combinazione delle due. Possono essere pre-prodotti oppure ripresi e contemporaneamente trasmessi agli utenti, in questo ultimo caso si parla di "diretta" o, usando un termine inglese, di "live". Sempre riguardo ai contenuti visivi e sonori, sono i più vari, ma essenzialmente finalizzati ad informate o intrattenere: notiziari, musica, sport, spettacoli, documentari, ecc.

continua...
 
Immaginario

Carosello è il nome di una trasmissione della televisione italiana andata in onda sul primo canale RAI dal 3 febbraio 1957 al 1º gennaio 1977. Veniva trasmesso quotidianamente dalle 20:50 alle 21:00 tranne il Venerdì santo ed ebbe due sole sospensioni: nel 1963 in occasione dell'assassinio di John Fitzgerald Kennedy e nel 1969, quando il paese fu scosso dalla strage di Piazza Fontana.
Consisteva in una serie di messaggi pubblicitari accompagnati da sketch comici sullo stile del teatro leggero o intermezzi musicali e divenne quasi un'istituzione per la televisione come trasmissione rigida e congegnata in maniera da funzionare impeccabilmente e senza interruzioni né errori per circa vent'anni: unica eccezione, gli eventi sopra menzionati ed alcuni scioperi e agitazioni in seno alla RAI che alterarono sia pure lievemente la programmazione, ad esempio con l'invio della sigla finale senza l'elencazione dei prodotti reclamizzati.
Carosello non era e non poteva essere solo un contenitore di messaggi pubblicitari. Per una legge allora vigente, infatti, non era concesso fare della pubblicità in un alcun spettacolo televisivo serale, prima di un intervallo di novanta secondi dall'inizio del medesimo. Tuttavia, sporadicamente, qualche sketch era preceduto da una brevissima presentazione dell'azienda committente.

continua...
 
Utilità
Personalità
Larry Hagman
Larry Hagman (Fort Worth, 21 settembre 1931) è un attore teatrale, attore cinematografico e attore televisivo statunitense. È conosciuto soprattutto per aver interpretato il ruolo di J.R. Ewing nel serial televisivo degli anni settanta-ottanta Dallas.

Figlio d'arte, sua madre era Mary Martin una grande attrice di Broadway, Larry Hagman dopo la separazione dei suoi genitori va a vivere in California con la nonna con la quale resta fino alla morte di lei.
Ha 12 anni quando torna a vivere con la madre che lavorava nei teatri di Broadway. Dopo aver frequentato il College entra nel mondo dello spettacolo. Mentre lavorava come attore in uno spettacolo di successo della madre, decide di restare dove lo spettacolo si trovava in quel momento: l'Inghilterra dove rimane per cinque anni. Durante questo periodo entra a far parte dell'U.S. Air Force. Trova anche il tempo di produrre e dirigere molti spettacoli teatrali.
(nell'immagine: Larry Hagman)

continua...
 
Approfondimento

Campanile sera è il titolo di un gioco televisivo andato in onda la prima volta il 5 novembre 1959 sul Programma Nazionale della Rai (ora Raiuno). Veniva trasmesso il giovedì sera alle 21 ed era condotto da Mike Bongiorno, Renato Tagliani (poi sostituito da Enza Sampò) ed Enzo Tortora.
Fu il primo esempio di "gioco collettivo" in quanto veniva data la possibilità di giocare al pubblico che partecipava alla trasmissione e a quello da casa.
Il meccanismo del gioco era semplice. Si trattava in pratica di un quiz, con domande rivolte a concorrenti di un paese del Nord Italia e di una località del Sud, alle quali venivano abbinate anche prove atletiche. In questo modo il pubblico veniva a conoscenza della realtà dei piccoli paesi italiani ed infatti il filmato che dava inizio alla puntata del quiz descriveva il paesaggio e la realtà produttiva dei comuni in gara.
Il programma ebbe un successo clamoroso, tanto che venne trasmesso per oltre cento puntate fino al 2 ottobre 1962.

continua...