Ab imo corde

locuzione latina

Ab imo corde è un'espressione latina traducibile come "dal cuore", "dal profondo del cuore", "visceralmente". Da imus, a, um (superlativo di infer - "il più basso", "infimo", "estremo", "ultimo", "profondo") e cŏr, cordis (sostantivo neutro - "cuore", "anima", "persona"). Corrispettivo di ab imo pectore, catullianamente declinato come imo, ex pectore ("dal fondo del cuore").

Muratori nella Rerum italicarum scriptores attesta un suo uso in un testo poetico di Leonardo Grifo di Milano dedicato allo Sforza[1].

Esiste anche una espressione simile e dal medesimo significato, ex imo corde.

Gabriele D'Annunzio intitola, appunto, la poesia d'esordio di Primo vere ex imo corde. Lo stesso titolo ha anche una raccolta di versi di una autrice all'epoca di un certo successo, Edvige Salvi, nota anche con lo pseudonimo di Elleboro[2].

NoteModifica

Voci correlateModifica

  Portale Lingua latina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Lingua latina