Ablabio (sofista)

filosofo e vescovo greco antico

Ablabio (in latino: Ablabius; Galazia, ... – floruit 390-391) è stato un filosofo, vescovo e retore greco antico.

BiografiaModifica

Nativo della Galazia,[1] Ablabio fu un filosofo sofista allievo di Troilo[2] e un insegnante di retorica.[1][2][3][4]

Nel 390 era verosimilmente pagano;[1][5] l'anno successivo resse una qualche carica;[3] successivamente fu ordinato sacerdote da Crisanto, divenendo poi vescovo dei Novaziani a Nicea, dove continuò a insegnare retorica.[2]

Delle lettere da lui ricevute se ne sono conservate due scritte dal retore antiocheno Libanio,[1][3] e una a testa da Gregorio Nazianzeno[4] e Gregorio di Nissa.[5]

NoteModifica

  1. ^ a b c d Libanio, Lettere 921.
  2. ^ a b c Socrate, Storia ecclesiastica, VII 12.
  3. ^ a b c Libanio, Lettere 1051.
  4. ^ a b Gregorio Nazianzeno, Lettere 233.
  5. ^ a b Gregorio di Nissa, Lettere 21.

BibliografiaModifica

  • «Ablabius 2» PLRE I, p. 2.
Controllo di autoritàVIAF (EN22527520 · GND (DE102377839 · CERL cnp00283214