Abu 'Ali al-Khayyat

Abū ʿAlī al-Khayyāṭ, noto anche in Occidente come Albohali (in arabo أبو علي الخياط?; Baghdad, 770 circa – 835 circa[1]), è stato un astrologo arabo, studente di Masha'allah ibn Athari[2].

Edizione di De Iudiciis Natiuitatum di Albohali, Norimberga, 1546.

In alcuni libri in latino il laqab "al-Khayyāṭ" (il sarto), con cui di solito è indicato nel mondo arabo, è storpiato in Alghihac, oppure è tradotto letteralmente come sarcinator, cioè "sarto".

Fu autore della celebre opera astrologica Kitāb al-mawālid (tr. "Il libro delle nascite"), che fu tradotto in latino da Platone Tiburtino nel 1136, e ancora da Giovanni da Siviglia nel 1153. Quest'ultima traduzione fu stampata a Norimberga nel 1546 sotto il titolo Albohali Arabis astrologi antiquissimi ac clarissimi de iudiciis nativitatum liber unus antehac non editus. Cum privilegio D. Iohanni Shonero concesso[2] e ristampata nel 1549 sempre a Norimberga, da Giovanni Montano, con una dedica di Joachim Heller a Filippo Melantone.

Note modifica

  1. ^ Benjamin N. Dykes, Book of Nine Judges, Minneapolis, Cazimi Press, 2011, p. 6, ISBN 9781934586204.
  2. ^ a b M.T. Houtsma, E. van Donzel, E.J. Brill's first encyclopaedia of Islam 1913-1936; p.875, Brill.

Bibliografia modifica

Collegamenti esterni modifica

Controllo di autoritàVIAF (EN71145601966701321622 · ISNI (EN0000 0000 6237 3284 · CERL cnp01117869 · GND (DE102835365 · WorldCat Identities (ENviaf-71145601966701321622