Apri il menu principale

Abu Ali al-Anbari

guerrigliero iracheno
(Reindirizzamento da Abu Ala al-Afri)

Abū ʿAlī al–Anbārī (in arabo: أبو علي الأنباري‎, anche noto come Abū ʿAlāʾ al-ʿAfrī o al-ʿAfarī; Mosul, ... – al-Ash, 25 marzo 2016) è stato un guerrigliero iracheno.

BiografiaModifica

Al-Anbārī è stato un generale iracheno del regime di Saddam Hussein[1] che si è fatto strada in al-Qa'ida in Iraq, una delle precedenti incarnazioni dello Stato Islamico, dopo essere stato espulso da un altro gruppo radicale sunnita, gli Ansar al-Islam, colpito da accuse di corruzione finanziaria.[2] Presumibilmente è nato a Mosul.[1]

Stando a quanto viene riportato, la sua conoscenza della Sharīʿa non era così approfondita come quella di altri militanti dello Stato Islamico che sono stati intervistati,[2] anche a causa della sua formazione militare.

Aveva l'incarico di governare i territori siriani controllati dallo Stato Islamico, organizzazione di cui era secondo in comando (assieme ad Abu Muslim al-Turkmani, che si occupava dei territori iracheni). Il suo ruolo politico era quello di supervisionare i consigli locali e agire in veste di delegato politico, mentre il ruolo militare consisteva nel dirigere le operazioni contro i ribelli siriani che si oppongono al regime del presidente Baššār al-Asad e allo Stato Islamico, nell'ambito della guerra civile siriana.[2]

NoteModifica

  1. ^ a b Inside the leadership of Islamic State: how the new 'caliphate' is run, su Telegraph, 9 luglio 2014. URL consultato il 1º ottobre 2014.
  2. ^ a b c Brutal Efficiency: The Secret to Islamic State's Success, su Wall Street Journal, 3 settembre 2014. URL consultato il 1º ottobre 2014.

Voci correlateModifica