Abuse

videogioco del 1996
Abuse
videogioco
Abuse - launch grenade on flyer.png
Immagine di gioco
PiattaformaMS-DOS, Linux, Mac OS, Acorn Archimedes, Amiga
Data di pubblicazione1995 (MS-DOS)
GenerePiattaforme, sparatutto
TemaFantascienza
OrigineStati Uniti
SviluppoCrack dot Com
PubblicazioneOrigin Systems
Modalità di giocoGiocatore singolo, multigiocatore
Periferiche di inputtastiera, mouse
SupportoCD-Rom
Requisiti di sistemaCPU 486DX 50 MHz, VGA con supporto VESA, 8MB RAM, 13MB sull'hard disk

Abuse è un videogioco a piattaforme e sparatutto fantascientifico, unico titolo sviluppato da Crack dot Com, e pubblicato prima autonomamente come shareware nel 1995 e poi in versione completa da Origin Systems nel 1996 per sistemi MS-DOS.

Modalità di giocoModifica

Il personaggio, un uomo ingiustamente arrestato e incarcerato di nome Nick Vrenna, è controllato tramite tastiera, mentre per mirare e sparare si utilizza il mouse, che può spostare su tutto lo schermo un mirino indipendentemente dai movimenti di Nick. Si devono affrontare livelli bidimensionali a scorrimento multidirezionale pieni di mostri, frutto di mutazioni genetiche, e alcuni semplici enigmi (in genere attivare interruttori e aprire porte); le armi disponibili includono laser, lanciafiamme e bazooka; si possono trovare anche dei power-up come velocità extra, invisibilità, ecc.

StoriaModifica

La prima versione shareware del gioco fu pubblicata nel 1995 e include 4 livelli e un editor di livelli, la versione completa pubblicata nel 1996 per MS-DOS ha il supporto IPX e molte altre caratteristiche.[1]

Successivamente ne furono distribuite versioni per Macintosh dalla Bungie, da Alive Mediasoft per Amiga, da R-Comp Interactive per Acorn Archimedes e da Red Hat per Linux.

Nel 1999 è stato diffuso il codice sorgente, e tutti gli elementi della versione shareware (a parte il sonoro) sono stati distribuiti nel pubblico dominio quando Crack dot Com dovette dichiarare bancarotta durante lo sviluppo del loro secondo titolo mai completato, Golgotha.

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica