Apri il menu principale

Accademia Filarmonica di Verona

Accademia Filarmonica di Verona
Francesco Galli Bibiena - Theatro Filarmonico of the Accademia Filarmonica of Verona, Italy, Auditorium and Main Entrance Elev... - Google Art Project.jpg
Tipoaccademia
Fondazione1543
Scopopromozione della cultura musicale
Sede centraleItalia Verona
PresidenteDott. Luigi Tuppini
MottoCoelorum imitatur concentum
Sito web

Le prime notizie relative all’Accademia Filarmonica di Verona, la più antica accademia musicale europea, risalgono al 1543, anno in cui il sodalizio si fuse con l’Accademia Incatenata. Nel giro di pochi anni il prestigio dell’Accademia Filarmonica si accrebbe a tal punto che essa inglobò in sé altre realtà scaligere di simile natura, come avvenuto con l’Accademia “alla Vittoria” (1584). Dedita alla cultura e alla pratica della musica e del canto, già dalla metà del Cinquecento assunse una posizione di rilievo fra i principali centri di irradiazione del madrigale, soprattutto in virtù della prassi esecutiva a voci e strumenti, come ricordato da Ercole Bottrigari ne Il Desiderio.

Dopo un periodo di relativa stasi seguito all’epidemia di peste che nel 1630 colpì il territorio veronese, l’attività dell’Accademia Filarmonica riprese vigore all’inizio del Settecento, soprattutto sotto l’impulso di Scipione Maffei, grande erudito di respiro europeo e vero e proprio cuore e anima della “Compagnia” per tutta la prima metà del secolo. A lui si devono l’edificazione del Teatro Filarmonico, progettato da Francesco Galli Bibiena e inaugurato il 6 gennaio 1732 con La fida ninfa di Antonio Vivaldi (su libretto dello stesso Maffei), e l’ampliamento della raccolta lapidaria nata nel 1612 a seguito dell’affidamento alla Filarmonica da parte dei Rettori veneti della collezione del canonico Nichesola, fino a farla diventare l’attuale Museo Lapidario Maffeiano. Ultimato nel 1749 su disegno dell’accademico Alessandro Pompei, il Lapidario è il primo museo sorto in Italia con precisi intenti conservativi e didattici aperto al pubblico. Distrutto da un incendio nel 1749, il Teatro Filarmonico fu presto riedificato e già nel 1754 vi si allestirono Lucio Vero di D. Perez e Alessandro nelle Indie di J. A. Hasse.

All’inizio dell’Ottocento l’Accademia Filarmonica si trasformò di fatto in società di palchettisti, divenendo la gestione del Teatro l’attività predominante dei soci, assieme alla cura dell’orchestra stabile, ribadendo la posizione di guida di gran parte della vita musicale veronese ricoperta dal sodalizio fin dalla sua fondazione. Il 23 febbraio 1945 a seguito di un bombardamento alleato, il Teatro Filarmonico fu nuovamente distrutto. Ricostruito su progetto di Vittorio Filippini, che riprende l’originaria foggia bibienesca, fu riaperto al pubblico nel 1975.

A testimonianza dell’illustre passato dell’Accademia Filarmonica di Verona e del suo primato fra le accademia musicali rimane il suo patrimonio storico, formato da Biblioteca, Archivio storico e Collezione di strumenti musicali. La Biblioteca e la Collezione costituiscono un caso raro nel panorama delle raccolte musicali perché non create con fini museali-collezionistici ma sorte e sviluppatesi spontaneamente come dotazione d’uso dell’Accademia tra la seconda metà del Cinquecento e gli anni Trenta del secolo successivo e conservatesi pressoché integre fin ai nostri giorni. La Collezione custodisce alcuni strumenti di assoluta eccellenza, quali gli unici due esemplari conosciuti di doppinone, la tromba ‘annodata’ di Anton Schnitzer ‘Padre’ (1585), il secondo e il terzo trombone più antichi conosciuti e 12 flauti traversi rinascimentali, pari a circa un quarto di quelli attualmente esistenti.

La vocazione musicale e culturale dell’Accademia Filarmonica di Verona, che non si è mai interrotta, in anni recenti ha trovato riscontro nella rassegna concertistica Le Nuove Musiche, dedicata al repertorio rinascimentale e barocco, e ne Gli incontri dell’Accademia, cicli di conferenze-concerto vocate alla diffusione del sapere musicale. Vertice dell’attività concertistica è Il Settembre dell’Accademia, festival di grandi orchestre e interpreti internazionali giunto nel 2016 alla venticinquesima edizione e che ha visto succedersi sul palco del Teatro Filarmonico, fra gli altri, orchestre e direttori del calibro di Berliner Philharmoniker, Wiener Philharmoniker, Filarmonica della Scala, Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, Pierre Boulez, Antonio Pappano, Georges Prêtre e Riccardo Muti. Numerose e qualificate sono le iniziative editoriali promosse dall’Accademia Filarmonica, tra le quali spiccano la collana di studi e ricerche Le imprese e quella musicale Biblioteca in musica, che propone in prima registrazione assoluta musiche conservate nella biblioteca del secolare sodalizio. A queste si sono recentemente aggiunti i tre volumi degli Atti dell’Accademia Filarmonica di Verona, primo risultato di un progetto nato da una partnership fra Accademia Filarmonica, Fondazione Cariverona e Conservatorio “Dall’Abaco” di Verona e che prevede la pubblicazione in edizione diplomatica dei documenti conservati presso l’Archivio storico della Filarmonica.

L’Accademia Filarmonica di Verona è un ente di diritto privato che sostiene le proprie attività culturali e musicali coi propri mezzi finanziari.

Indice

NoteModifica


BibliografiaModifica

  • Francesco Pona Sileno overo Delle Bellezze del Luogo dell'Ill.mo Sig. Co. Gio. Giacomo Giusti 1620, Angelo Tamo, Verona. [edizione anastatica con note di Sergio Marinelli e Ennio Sandal, Verona, Cierre Edizioni, 1999].
  • Giulio Cesare Becelli, De aedibus Academiae Philarmonicae Veronensis ejusque Musaeo dialogus, Verona, Giacomo Vallarsi, 1745.
  • Giuseppe Biadego, Accademie veronesi, estr. da «Atti e Memorie della Accademia di Agricoltura Scienze e Lettere di Verona», Indici dei voll. I–LXXV, Verona, 1903.
  • Vittorio Cavazzocca Mazzanti, Contributo alla storia dell'Accademia Filarmonica veronese (1543–1553), «Atti e Memorie della Accademia di Agricoltura Scienze e Lettere di Verona», serie V, vol. III, anno 1926, pp. 1–49.
  • Giuseppe Turrini, L'Accademia Filarmonica di Verona dalla fondazione (maggio 1543) al 1600 e il suo patrimonio musicale antico, La tipografica Veronese, 1941 (estr. da «Atti dell'Accademia di Agricoltura, Scienze e Lettere di Verona», serie V, vol. XVIII, anno 1940): https://www.academia.edu/30872466/GIUSEPPE_TURRINI_-_LAccademia_Filarmonica_di_Verona_dalla_fondazione_maggio_1543_al_1600_e_il_suo_patrimonio_musicale_antico
  • Giuseppe Turrini, Catalogo delle opere musicali teoriche e pratiche di autori vissuti sino ai primi decenni del secolo XIX, esistenti nelle biblioteche e negli archivi pubblici e privati d'Italia. Citta di Verona: Biblioteca della Soc. Accademia Filarmonica di Verona, Fondo Musicale Antico, Parma, Officina Grafica Fresching, 1935–36.
  • La musica a Verona, presentazione di Giovanni Battista Pighi, ricerca iconografica e coordinamento di Pierpaolo Brugnoli, Verona, Banca Mutua Popolare di Verona, 1976.
  • Paolo Rigoli, Scritti sull'Accademia Filarmonica e il suo Teatro, a cura di Michele Magnabosco e Laura Och, Verona, Accademia Filarmonica di Verona, 2013.
  • L'Accademia Filarmonica di Verona dalla fondazione al Teatro. Tre saggi a cura di Michele Magnabosco, Verona, Accademia Filarmonica di Verona, 2015: http://www.accademiafilarmonica.org/download/Volume_Estratto_Atti_4.pdf
  • L'Accademia Filarmonica di Verona per il bicentenario mozartiano (1791-1991), saggi di Carlo Bologna, Gian Paolo Marchi, Enrico Paganuzzi , Verona, Accademia Filarmonica di Verona, 1991.
  • L'Accademia Filarmonica di Verona e il suo Teatro. Nel 250mo anniversario dell'inaugurazione del Teatro Filarmonico (1732-1982). Saggi di E. Paganuzzi, N. Zanolli Gemi, L. Franzoni, G. P. Marchi, P. Rigoli, C. Bologna, Verona, Accademia Filarmonica di Verona, 1982 [Nuova edizione a cura di Michele Magnabosco e Marco Materassi, 2010].
  • Marco Materassi, Origine et progressi dell'Accademia Filarmonica (Verona, 1543–1553): una rilettura, «Rassegna Veneta di Studi Musicali», IV (1988) pp. 51–91.
  • Lucinda Spera, Un manoscritto veronese del Seicento: Origini e progressi dell'Accademia Filarmonica, «Studi Seicenteschi», 2004/XLV, pp. 256–324.
  • Fischer Klauss, Die Accademia Filarmonica in Verona im ersten Drittel des 17. Jahrhunderts, in 300 years Academia Philharmonicorum Labacensium 1701–2001. Proceedings of the international symposium held in Ljubljana on october 25th and 26th 2001, edited by Ivan Klemenčič, Ljubljana, ZRC SAZU Muzikološki inštitut, 2004, pp. 145–154.
  • Inga Mai Groote, Zum Musikleben der Accademia Filarmonica in Verona 1600–1634, «Analecta Musicologica», 37/2005, pp. 57–83.
  • Nicolas, Hémard, Il conte Agostino Giusti e l'Accademia Filarmonica tra ‘500 e ‘600: vita di un mecenate veronese, testi di laurea, Université Jean Moulin – Lyon 3, mai 2011.
  • Laura Och, L'Accademia Filarmonica di Verona nel Settecento: aspetti di vita sociale, culturale e musicale, Vertemus, terza serie di studi musicali e teatrali veronesi (2005), Studi in ricordo di Paolo Rigoli, a cura di Michele Magnabosco, Verona, Conservatorio Statale di Musica “E. F. Dall'Abaco”, 2005, pp. 59–86.
  • Laura Och, L'Accademia Filarmonica di Verona al tempo di Scipione Maffei, in Il letterato e la città. Cultura e istituzioni nell'esperienza di Scipione Maffei, atti del convegno (Verona, 21–22 novembre 2005), a cura di Gian Paolo Marchi e Corrado Viola, Verona, Cierre – Accademia Filarmonica di Verona, 2009, pp. 233–262.
  • Marco Materassi, Lo spirito filarmonico nella Repubblica delle Lettere. Appunti sull'Accademia Filarmonica tra Seicento e Settecento, in Sig.r Amadeo Wolfango Mozarte. Da Verona con Mozart: personaggi, luoghi, accadimenti, a cura di Giuseppe Ferrari e Mario Ruffini, Venezia, Marsilio, 2007, pp. 307–349.
  • Giulia Canal, L'Accademia Filarmonica di Verona. Profilo storico–giuridico, Verona, Accademia Filarmonica di Verona, 2008.
  • John Henry van der Meer - Rainer Weber, Catalogo degli strumenti musicali dell'Accademia Filarmonica di Verona, Verona, Accademia Filarmonica di Verona, 1982.
  • Marco Di Pasquale, Gli strumenti musicali dell'Accademia Filarmonica di Verona: un approccio documentario, «Il flauto dolce», n. 17–18 (ottobre 1987–aprile 1988), pp. 3–17.
  • Michele Magnabosco, La collezione, ovvero la dotazione di strumenti musicali dell'Accademia Filarmonica di Verona, «Liuteria Musica e Cultura», 2/2008, pp. 29–37: https://www.academia.edu/21098860/La_collezione_ovvero_la_dotazione_di_strumenti_musicali_dellAccademia_Filarmonica_di_Verona
  • Michele Magnabosco, L'Accademia Filarmonica di Verona. Prospettive di tutela e scheda SM, in Philomusica on-line (Vol. 8, n° 3 - 2009): http://riviste.paviauniversitypress.it/index.php/phi/article/view/08-03-SMO-0406/0
  • Marco Di Pasquale, Intorno al patronato della musica della Accademia Filarmonica di Verona nel: riflessioni e congetture, «Ricercare», vol. XIII, n. 1–2 (2011), pp. 35–63.
  • Atti dell'Accademia Filarmonica di Verona. Volume I (1543-1604), a cura di Marco Materassi, Verona, Accademia Filarmonica di Verona, 2015: http://www.accademiafilarmonica.org/download/ATTI_ACCADEMIA_VOL_1.pdf
  • Atti dell'Accademia Filarmonica di Verona. Volume II (1605-1634), a cura di Michele Magnabosco e Laura Och, Verona, Accademia Filarmonica di Verona, 2015: http://www.accademiafilarmonica.org/download/ATTI_ACCADEMIA_VOL_2.pdf
  • Atti dell'Accademia Filarmonica di Verona. Volume III (1637-1733), a cura di Michele Magnabosco e Laura Och, Verona, Accademia Filarmonica di Verona, 2015: http://www.accademiafilarmonica.org/download/ATTI_ACCADEMIA_VOL_3.pdf
  • Anthony Baines, Two Curious Instruments at Verona, «Galpin Society Journal», serie VI (1953), pp. 98–99.
  • Maddalena Pizzighella, Per il teatro di Giovanni Pindemonte (1751-1812), l'inedito Nicota. Edizione critica e profilo storico-letterario, tesi di laurea, Università degli Studi di Verona (2016).
  • Michele Magnabosco, Dal trasferimento della nuova sede al «gran contagio», in L'Accademia Filarmonica di Verona dalla fondazione al Teatro. Tre saggi a cura di Michele Magnabosco, Verona, Accademia Filarmonica di Verona, 2015, pp. 25-54: https://www.academia.edu/34778787/Dal_trasferimento_nella_nuova_sede_al_gran_contagio_in_L_Accademia_Filarmonica_di_Verona_dalla_fondazione_al_Teatro._Tre_saggi_a_cura_di_Michele_Magnabosco_Verona_Accademia_Filarmonica_di_Verona_2015_pp._25-54.
  • Laura Och, Dalla crisi di metà Seicento all’inaugurazione del Teatro, in L'Accademia Filarmonica di Verona dalla fondazione al Teatro. Tre saggi a cura di Michele Magnabosco, Verona, Accademia Filarmonica di Verona, 2015, pp. 55-91.
  • Michele Magnabosco, L’Académie Philharmonique de Vérone, in Renaissance d’une sacqueboute. Du musée au musicien, suous la direction de Stefan Legée et Aurélien Poidevin, photographies de Jean-Pierre Delagarde, avec la partecipation de Frank P. Bär, Cristian Bosc, Steward Carter, Christian Hörack, Ewald et Bernhard Meinl, Michele Magnabosco, Frank Poitrineau, Paris, L’œil d’or, 2016, pp. 53–65: https://www.academia.edu/25650338/L_Acad%C3%A9mie_Philharmonique_de_V%C3%A9rone_in_Renaissance_d_une_saqueboute._Du_mus%C3%A9e_au_musicien_suous_la_direction_de_Stefan_Leg%C3%A9e_et_Aur%C3%A9lien_Poidevin_photographies_de_Jean-Pierre_Delagarde_Paris_L_%C5%93il_d_or_2016_pp._53_65
  • Michele Magnabosco, Strumenti musicali per la policoralità a Verona. Le collezioni dell’Accademia Filarmonica e della Biblioteca Capitolare, in dal canto corale alla musica policorale. L’arte del «coro spezzato», a cura di Lucia Boscolo Folegana e Alessandra Ignesti, (Fonti e studi per la storia della musica veneta, 3), Padova, Cleup Editrice, 2014, pp. 359–378: https://www.academia.edu/21763720/Strumenti_musicali_per_la_policoralit%C3%A0_a_Verona._Le_collezioni_dellAccademia_Filarmonica_e_della_Biblioteca_Capitolare
  • Giuseppe Ellero, Lettere di Tommaso Contarini a Paolina Provesina (Verona, 1602 - 1604), Verona, Accademia Filarmonica di Verona, 2003: https://www.academia.edu/30887958/GIUSEPPE_ELLERO_-_Lettere_di_Tommaso_Contarini_a_Paolina_Provesina_Verona_1602_-_1604_
  • Alfredo Buonopane, La collezione Nichesola, l'Accademia Filarmonica e la nascita del Museo Lapidario di Verona, in Il letterato e la città. Cultura e istituzioni nell'esperienza di Scipione Maffei, atti del convegno (Verona, 21–22 novembre 2005), a cura di Gian Paolo Marchi e Corrado Viola, Verona, Cierre – Accademia Filarmonica di Verona, 2009, pp. 263-278.
  • Michele Magnabosco, Imprese, ritratti, apparati scenici. Pittori al servizio della Sirena Filarmonica, in Bottega, Scuola, Accademia. La pittura a Verona tra il 1570 la peste del 1630, catalogo della mostra (Verona, Museo di Castelvecchio, Sala Boggian, 17 novembre 2018 - 1 maggio 2019) a cura di Francesca Rossi, Modena, Franco Cosimo Panozzo Editore, 2018, pp. 29-36.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica