Apri il menu principale
PORTALE VERONA
Panorama Verona.jpg
(EN)

«Pleasant Verona! With its beautiful old palaces, and charming country in the distance, seen from terrace walks, and stately, balustraded galleries. With its Roman gates, still spanning the fair street, and casting, on the sunlight of to-day, the shade of fifteen hundred years ago. With its marble-fitted churches, lofty towers, rich architecture, and quaint old quiet thoroughfares, where shouts of Montagues and Capulets once resounded ...»

(IT)

«Deliziosa Verona! Con i suoi bei palazzi antichi e l'incantevole campagna vista in distanza da sentieri praticabili e da solide gallerie con balaustra. Con i suoi tranquilli ponti romani che tracciano la retta via illuminando, nell'odierna luce solare, con tonalità antiche di secoli. Con le chiese marmoree, le alte torri, la ricca architettura che si affaccia sulle antiche e quiete strade nelle quali riecheggiavano le grida dei Montecchi e dei Capuleti ...»

(Charles Dickens, Pictures from Italy)
Benvenuto nel portale dedicato alla storia, all'arte, e all'architettura di Verona
Verona
Verona-Stemma.svg

Verona, comune italiano di 258 840 abitanti e capoluogo dell'omonima provincia, è situata in Veneto, lungo il fiume Adige e ai piedi dei monti Lessini.

La città ospita ricche testimonianze di età romana, che includono porta Borsari, porta Leoni, l'arco dei Gavi, che venne smantellato durante i pochi anni di egemonia napoleonica e ricomposto accanto a Castelvecchio negli anni trenta del Novecento, il ponte Pietra, il teatro romano e l'anfiteatro Arena, simbolo della città insieme a Romeo e Giulietta, tragedia che il drammaturgo e poeta inglese William Shakespeare ambientò nella Verona medievale. Gli Scaligeri ampliarono le mura durante il basso Medioevo, abbracciando un territorio molto vasto che finì per custodire e contenere l'abitato fino agli inizi del Novecento e al cui interno si situa il cuore di Verona, costituito da piazza delle Erbe (con il pittoresco mercato di frutta e verdura) e dei Signori, attorno alle quali emergono edifici monumentali quali il palazzo della Ragione, il palazzo del Podestà, la loggia del Consiglio e le arche scaligere. Quindi piazza Bra, caratterizzata da un palinsesto di edifici risalenti ad epoche diverse tra cui spiccano l'Arena romana, la Gran Guardia e palazzo Barbieri, ma si devono elencare anche singoli edifici e complessi ecclesiastici di grande valore e sparsi per la città, quali la basilica di San Zeno, la basilica di Santa Anastasia e il duomo di Verona.

Leggi la voce...
Storia
Corso Cavour 1945.jpg

Di origine preistorica, Verona divenne municipium romano nella metà del I secolo a.C., quando venne rifondata all'interno dell'ansa dell'Adige, accrescendo velocemente la sua importanza e rimanendo sotto il governo romano fino al V secolo, quando venne occupata dal re germanico Teodorico il Grande, conosciuto nelle saghe nordiche col nome di Teodorico da Verona, in quanto particolarmente legato alla città. In seguito finì sotto il dominio del Longobardi prima e dei Franchi di Carlo Magno poi, rimanendo fedele nei secoli successivi agli imperatori del Sacro Romano Impero.

Con il passare del tempo la città assunse sempre maggiore autonomia per divenire libero Comune all'inizio del XII secolo e prosperare sotto il dominio della famiglia Scaligera, in particolare grazie a Cangrande I. La città si dedicò alla Serenissima nel 1405, godendo di quattro secoli di relativa serenità e vivacità intellettuale e artistica sotto il governo della Repubblica Veneta. Nel 1797 divenne parte dell'Impero austriaco, che la trasformò nella sua maggiore piazzaforte militare in territorio italico, per essere annessa al Regno d'Italia nel 1866, insieme a Veneto e Friuli.

Leggi la voce...
Urbanistica
Verona nei Secoli - età austriaca.jpg

L'urbanistica di Verona fonda le proprie origini nella città romana, di cui conserva il tessuto urbano. Verona si sviluppa in diversi periodi, si possono distinguere il centro storico medioevale, in cui sorgono però anche palazzi più recenti (rinascimentali, settecenteschi e ottocenteschi), i quartieri di Veronetta e San Zeno interamente composti di edifici di epoca basso medioevale, alcune zone esterne alle mura in cui sono sorte ville e palazzi in stile barocco, la zona industriale di Borgo Roma sorta a cavallo tra otto e novecento, infine la città moderna che è sorta senza intaccare questo tessuto.

Verona può vantarsi di avere ancora ben cinque cinte murarie costruite in epoche diverse ed ancora visibili:

  • in alcuni punti è ancora visibile la cinta muraria di epoca romana imperiale, di cui rimangono purtroppo solo le rovine;
  • dal ponte Aleardi fino a piazza Bra è ben conservata la cinta muraria del XIII secolo, con tre torri, tra cui la più conosciuta è la torre pentagona dei portoni della Bra;
  • sul colle San Pietro rimangono le mura scaligere, con ben quindici torri;
  • i terrapieni della cinta più esterna innalzati dai veneziani, ed alcuni bastioni;
  • le mura, i bastioni e numerosi forti costruiti dagli austriaci, ancora quasi completamente intatti.
Leggi la voce...
Sistema difensivo

«Che strano effetto questo ribollio di colli, queste mura ora ripide, ora smussate, le differenze di altitudine, a volte appena percepibili. Tutto di una sottile sensibilità del tutto celata all'occhio profano. Il portale di una fortezza, diviso in tre parti, ci stupisce per il suo acroterio e la sua imponenza.»

(Walter Benjamin, Il mio viaggio in Italia)
Porta S.Zeno VR.jpg

Il sistema difensivo di Verona è un imponente sistema costituito da bastioni, forti, campi trincerati, magazzini e caserme, realizzato dall'Impero austriaco attorno alla città di Verona, nel lungo periodo compreso fra il 1833 ed il 1866.

Verona è la città fortificata per eccellenza. Nel suo spazio urbano e suburbano sono visibili ancora oggi opere monumentali che formano un repertorio di quasi 2.000 anni di storia dell'arte fortificatoria. Tuttora restano imponenti i resti della città fortificata romana, il perimetro della città murata scaligera con i suoi castelli, la struttura della fortezza veneta, la grandiosa disposizione della piazzaforte absburgica, cardine del Quadrilatero. La cinta muraria urbana, nel suo assetto definitivo, ha uno sviluppo di oltre 9 chilometri e occupa quasi 100 ettari con le sue opere: torri, rondelle, bastioni, fossati, terrapieni.

Nello spazio esterno, situati nella campagna pianeggiante o sulla collina, 31 forti (19 dei quali ancora esistenti) formavano l'ultimo e più moderno sistema, l'imponente difesa avanzata della piazzaforte absburgica. Nessuna città in Europa possiede opere di fortificazione più interessanti, per la loro estensione, per la qualità artistica e tecnica, e per il loro campionario, esteso su un ampio arco storico, dall'età romana alla fine dell'Ottocento.

Leggi la voce...
Architettura civile
Piazza Bra Verona.jpg
Architettura militare
Ponte di Castel Vecchio.jpg
Categorie, portali e progetti
Categorie contenenti le voci su Verona (a sinistra) e le sue immagini (a destra)

Altri progetti