Apri il menu principale

Admeta

personaggio della mitologia greca, figlia di Euristeo

Nella mitologia greca, Admeta era la figlia di Euristeo e di Antimachea.

Nel mitoModifica

Una delle fatiche di Eracle, la nona, consisteva nel recupero della cintura d'oro che Ares aveva donato alla figlia Ippolita, comandante delle amazzoni.

Quando Eracle riuscì nell'impresa, Euristeo fu ben felice di regalare la mitica cintura a sua figlia Admeta.

Significati delle vicendeModifica

Ricompensa per le varie fatiche doveva essere la principessa Admeta in persona, come sposa dell'eroe.

Quindi sciogliere la cintura nella camera matrimoniale dove per forza segnare la fine delle avventure.[non chiaro]

Admeta probabilmente lottò contro l'eroe, non volendo esserne la sposa senza combattere e probabilmente si trasformò in tutti i vari mostri che in seguito nelle sue altre fatiche Eracle dovette combattere (cerva, cavalla selvaggia, ecc)

Admeta fra l'altro è anche uno dei tanti nomi dati ad Atena.

Altri nomiModifica

A seconda degli autori un'altra Admeta o Admete era anche una ninfa, precisamente una oceanina.

BibliografiaModifica

Fonti primarie
Fonti secondarie

Voci correlateModifica

  Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca