Apri il menu principale

Atena

dea greca della sapienza, della saggezza, della tessitura e in generale dell'artigianato e degli aspetti più nobili della guerra
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Atena (disambigua).
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Pallade Atena" rimanda qui. Se stai cercando il dipinto di Klimt, vedi Pallade Atena (Klimt).
Atena
Athena ciste.jpg
Copia romana, epoca imperiale, da un originale greco, probabilmente la statua di Atena Héphaïstia di Alcamene.
Nome orig.Ἀθηνᾶ
Speciedea
SessoFemmina
Professionedea della sapienza, delle arti e delle strategie militari

Atena (in attico Ἀθηνᾶ, traslitterato in Athēnâ), o Pallade, figlia prediletta di Zeus, è la dea greca della sapienza, delle arti e della guerra.

Divinità che difende gli eroi positivi, le donne industriose e gli artigiani.

Protettrice della città di Atene, durante la guerra di Troia si schiera con gli Achei. Vigila su Achille, appare in sogno a Nausicaa perché soccorra Ulisse naufrago sul lido dei Feaci.

È venerata presso i Romani col nome di Minerva.

La dea viene rappresentata con suoi simboli sacri: la civetta e l'ulivo; l'elmo, la lancia, lo scudo e l'Egida, ossia un mantello indistruttibile realizzato con la pelle della capra Amaltea, che aveva protetto e nutrito Zeus, sottratto a Crono dalla madre Rea.

Indice

Etimologia e origini del nomeModifica

È possibile che il nome 'Athena' sia di origine Lidia[1]. Potrebbe trattarsi di una parola composta, derivata in parte dal tirreno ati, che significa "madre", e in parte dal nome della Dea hurrita Hannahannah che spesso è abbreviato in Ana. Sembrerebbe fare la sua comparsa in una singola iscrizione in lingua micenea nelle tavolette in scrittura Lineare B. In un testo facente parte del gruppo delle "Tavolette della stanza del carro" rinvenute a Cnosso, la più antica testimonianza di scrittura lineare B, si trova "A-ta-na-po-ti-ni-ja", "/Athana potniya/"[2]. Sebbene questa frase venga spesso tradotta come "Padrona Atena", letteralmente significa "la potnia di At(h)ana", che probabilmente vuol dire "La signora di Atene"[3]: non è comunque possibile stabilire con certezza se vi sia una connessione con la città di Atene[4]. Si è rinvenuta anche la forma "A-ta-no-dju-wa-ja", "/Athana diwya/", la cui parte finale è la scomposizione in sillabe in Lineare B di quella che in greco è conosciuta come Diwia (in miceneo di-u-ja o di-wi-ja), ovvero "divina"- Atena, attributo della Dea della tessitura e delle arti.

Nel suo dialogo Cratilo, Platone fornisce un'etimologia del nome di Atena che rappresenta il punto di vista degli antichi Ateniesi sostenendo che derivi da "A-theo-noa" (A-θεο-νόα) o "E-theo-noa" (H-θεο-νόα), che significa "la mente di Dio", in quanto Atena era nata dalla mente di Zeus:

«"Questo è più difficile, amico mio. Pare che gli antichi riguardo ad Atena la pensassero allo stesso modo di come oggi fanno i bravi critici di Omero. Infatti la maggior parte di loro, studiando il poeta, sostengono che in Atena abbia voluto personificare il “nous” e la “dianoia”, ovvero la mente e il pensiero, e similmente sembra aver ragionato colui che le assegnò i nomi.; addirittura, appellandola con ancor maggiore solennità “theou nesis” (mente del Dio) dice che è la “theonoa”, ovvero la “mente divina”, servendosi della lettera “alfa” al posto della lettera “eta” come fanno gli stranieri, ed eliminando “iota” e “sigma”. Era assai poco distante dal chiamarla “Ethonoe”, dato che è colei che come indole ha il pensiero “en thoi ethei noesis”. Ma alla fine o lui stesso odr altri, per renderne il nome più bello, la chiamarono Atena[5]»

Platone ed Erodoto notarono anche che in Egitto, nella città di Sais, si adorava una dea il cui nome in egiziano era Neith e la identificano con Atena:

«”I cittadini ritengono che la fondatrice della città sia una Dea: in lingua egiziana si chiama Neith e dicono che è la stessa che i greci chiamano Atena: sono grandi ammiratori degli Ateniesi e dicono di essere in qualche modo simili a loro[6]»

I nomi e gli appellativi di AtenaModifica

Atena glaukopis (glaucopite)Modifica

 
Rilievo di Burney, secondo millennio a.C.

Da Omero in poi, l'epiteto di Atena più comunemente usato in poesia è ”glaukopis” (γλαυκώπις),[7] che viene solitamente tradotto come con lo sguardo scintillante o dagli occhi lampeggianti. Il termine è una combinazione di glaukos (γλαύκος, che significa "lucente", "argenteo" e, in epoche più tarde "blu-verdastro" e "grigio") e ops (ώψ, "occhio" o talvolta "viso").

È interessante notare che glaux (γλαύξ,[8] civetta) deriva dalla medesima radice, probabilmente per i particolari occhi di cui è dotato l'animale. La figura di quest'uccello notturno, capace di vedere nell'oscurità, è strettamente legata alla Dea della saggezza: a partire fin dalle prime raffigurazioni è dipinta con la civetta appollaiata sulla testa. In epoca arcaica Atena potrebbe essere stata una Dea-uccello simile a Lilith o alla Dea raffigurata con ali e artigli da civetta sul Rilievo Burney, un rilievo in terracotta mesopotamico degli inizi del secondo millennio a.C.

Atena TritogeniaModifica

 
Atena nasce dalla mente di Zeus.


Nell'Iliade (4.514), negli Inni omerici, nella Teogonia di Esiodo e nella Lisistrata di Aristofane viene attribuito ad Atena il singolare epiteto di Tritogeneia.

Il significato di questo termine non è chiaro; sembrerebbe voler dire "nata da Tritone", forse riferendosi al fatto che secondo alcuni antichi miti suo padre è il Dio del mare[9] o, ipotesi ancor più dubbia, che fosse nata nei pressi del lago Tritone che si trova in Africa.

Altro possibile significato è tre volte nata o terza nata, riferendosi a lei come terza figlia di Zeus oppure alludendo al fatto che era nata da Zeus, da Metide e anche da sé stessa; varie leggende la indicano infatti come figlia nata successivamente ad Artemide e Apollo, al contrario di altre che ne parlano come della primogenita.

Pallade AtenaModifica

 
Pallade Atena sorregge nella mano destra Nike (la Vittoria), statua antistante il parlamento Austriaco a Vienna.

Un suo appellativo molto frequente è Pallade Atena (Παλλάς Αθηνά). L'epiteto deriva da un'ambigua figura mitologica chiamata Pallade, maschio o femmina che, al di fuori della sua relazione con la dea, è citata soltanto nell'Eneide di Virgilio. Secondo alcune versioni della leggenda Atena uccise Pallade per errore, come ad esempio in una versione pelasgica secondo la quale Pallade era una compagna di giochi della giovane Atena, che la uccise per sbaglio mentre simulavano un combattimento: Atena prese quindi il nome di Pallade in segno di lutto per dimostrare il suo rimorso.[10] Nell'Inno omerico a Ermes, Pallade era invece il padre della Dea della Luna Selene. In altre versioni ancora si trattava di uno dei Giganti che Atena uccise nella Gigantomachia. Le cose però potrebbero essere andate in maniera ancora diversa, e Atena avrebbe soppiantato una precedente mitica Pallade assorbendola nella sua figura in modo meno "traumatico", quando questa divenne dapprima Pallas Athenaie, Pallade di Atene (come Hera di Argo era Here Argeie), e infine Pallade Atena, cambiando lentamente ma completamente identità.[11] Per gli Ateniesi, d'altronde, ella era semplicemente La Dea (è thèa), senz'altro un epiteto molto antico.

Altri epitetiModifica

  • Atena Ergane (industriosa) – Come patrona di artisti e artigiani e ideatrice dei lavori femminili come la filatura, tessitura, ecc.
  • Atena occhio azzurro
  • Atena Parthenos (vergine) – Il nome con cui veniva adorata sull'Acropoli, specialmente durante le celebrazioni per lo svolgimento delle Panatenee.
  • Atena Promachos (prima in battaglia) – Come condottiera di eserciti in battaglia.
  • Atena Polias – Ovvero "Atena della città", come protettrice di Atene ma anche di altre città tra le quali Argo, Sparta, Gortyna, Lindos e Larissa. In tutte queste città il tempio di Atena era il più importante dell'acropoli.[12]
  • Atena Areia – Per il suo ruolo di giudice al processo di Oreste (che viene assolto) per l'assassinio della madre Clitennestra nonché per l'istituzione del tribunale per giudicare il comportamento degli uomini.
  • Atena Itonia - Detta così da Itono, figlio di Anfizione. Le era dedicato un tempio a Coronea (Beozia) abbellito con statue di Agoracrito. In onore di Atena Itonia si celebravano le Pambeozie[13].
  • Atena Atritonia - Dal verbo greco tryo, "logorare", "distruggere", più alfa privativo e quindi "l'instancabile" (cfr. per esempio[14]"Ascolta anche me ora, figlia di Zeus, Atritonia [...]")

Atena nell'arte classicaModifica

 
L'Atena Giustiniani, copia romana di una statua greca di Pallade Atena – Musei Vaticani

L'iconografia classica di Atena prevede che sia ritratta in piedi mentre indossa l'armatura e l'elmo, tenuto alto sulla fronte; porta con sé una lancia e uno scudo sul quale è fissata la testa della Gorgone Medusa. Proprio in questa posizione è stata scolpita da Fidia nella sua famosa statua crisoelefantina[15], alta 11 metri – ora perduta – l'Athena Parthenos che si trovava nel Partenone. Spesso, poggiata sulla sua spalla, si trova la civetta, simbolo di saggezza.

A prescindere dagli attributi tipici, a partire dal V secolo a.C. sembra esserci stata una sostanziale uniformità di vedute tra gli artisti su quale dovesse essere l'aspetto della Dea. Un naso importante con un alto ponte che sembra essere la naturale continuazione della fronte, occhi profondi, labbra piene, una bocca stretta e appena più larga del naso, il collo allungato ne tratteggiano una bellezza serena ma un po' distaccata.

La nascita di AtenaModifica

 
Nascita di Atena, particolare di exaleiptron attico del 570–560 a.C. ritrovato a Tebe

Tra gli dei dell'Olimpo Atena viene ritratta come la figlia prediletta di Zeus, nata già adulta e armata, dalla testa del padre o dal polpaccio secondo altri, dopo che lui ne aveva mangiato la madre Meti. Varie sono le versioni riguardo alla sua nascita; infatti una versione dice che Atena è solo figlia di Zeus. Quella più comune dice che Zeus si coricò con Meti, Dea della prudenza e della saggezza, ma subito dopo ebbe paura delle conseguenze che ne sarebbero derivate: una profezia diceva che i figli di Metide sarebbero stati più potenti del padre,[16] fosse stato anche lo stesso Zeus. Per impedire che questo si verificasse, subito dopo aver giaciuto con lei, Zeus indusse Meti a trasformarsi in una goccia d'acqua oppure, a seconda della tradizione, in una mosca o in una cicala e la inghiottì, ma era ormai troppo tardi: la Dea aveva infatti già concepito un bambino. Meti cominciò immediatamente a realizzare un elmo e una veste per la figlia che portava in grembo, e i colpi di martello sferrati mentre costruiva l'elmo provocarono a Zeus un dolore terribile. Così Efesto aprì la testa di Zeus con un'ascia bipenne e Atena ne balzò fuori già adulta e armata e Zeus in questo modo uscì, malconcio ma vivo, dalla brutta disavventura.

Alcuni frammenti attribuiti alla storia dal semi-leggendario Sanchuniathon, che si dice essere stata scritta prima della guerra di Troia, suggeriscono che Atena sia invece la figlia di Crono, il re dei Titani, padre di Zeus, Dio del cielo, Poseidone, Dio del mare, e di Ade, Dio degli Inferi, fatto a pezzi dalla sua stessa arma per mano dei figli e gettato nel Tartaro (la parte più profonda degli Inferi).

Genealogia (Esiodo)Modifica

Urano
Gea
Genitali di  Urano
CRONO
Rea
Zeus
Era
Poseidone
Ade
Demetra
Estia
    a [17]
     b [18]
Ares
Efesto
Meti
Atena [19]
Latona
Apollo
Artemide
Maia
Ermes
Semele
Dioniso
Dione
    a [20]
     b [21]
Afrodite

Leggende e racconti relativi ad AtenaModifica

ErittonioModifica

 
Atena con la cesta ed Erittonio sotto forma di serpente (particolare). Statua romana I secolo d.C. Museo del Louvre

Secondo quanto racconta lo Pseudo-Apollodoro, Efesto tentò di unirsi ad Atena ma non riuscì nell'intento. Il suo seme si sparse al suolo e fecondò Gea e così nacque Erittonio. Atena decise comunque di allevare il bambino come madre adottiva. Una versione alternativa dice che il seme di Efesto cadde sulla gamba della Dea, che se la pulì con uno straccetto di lana che gettò poi a terra: Erittonio sarebbe così nato dalla terra e dalla lana. Un'altra leggenda narra che Efesto avesse voluto sposare Atena ma che la Dea scomparve all'improvviso dal talamo nuziale, cosicché lo sperma di Efesto finì per cadere a terra. Atena chiuse dentro ad una cesta il bambino, che aveva la parte inferiore del corpo a forma di serpente e lo affidò alle tre figlie di Cecrope (Herse, Pandroso e Aglauro), avvisandole di non aprirla mai. Agraulo, curiosa, aprì ugualmente la cesta e la vista dell'aspetto mostruoso di Erittonio fece impazzire le tre sorelle che si uccisero lanciandosi giù dall'Acropoli[22], oppure secondo Igino, nel mare[23].

Una versione diversa dice che, mentre Atena era andata a prendere una montagna per usarla per costruire l'Acropoli, due delle sorelle aprirono la cesta: un corvo vide la scena e volò a riferirlo alla Dea che accorse infuriata lasciando cadere la montagna, che ora è il Monte Licabetto.[24] Herse e Pandroso impazzirono per la paura e si uccisero lanciandosi da una scogliera, e neppure il corvo fu risparmiato dall'ira di Atena che, si narra, fece diventare da allora nere le piume di quest'animale.

Erittonio diventò in seguito re di Atene e introdusse molti cambiamenti positivi nella cultura ateniese. Durante il suo regno Atena fu frequentemente al suo fianco per proteggerlo.

AglauroModifica

In un'altra versione del mito di Aglauro, narrata nelle Metamorfosi di Ovidio, Ermes si innamora di Herse. Quando le tre sorelle si recano al tempio per fare un'offerta sacrificale in onore di Atena, Ermes si avvicina ad Aglauro e le chiede il suo aiuto per sedurre Herse. Questa in cambio chiede a Ermes dei soldi e il Dio le dà il denaro che avevano sacrificato ad Atena.[25] Atena, per punire l'avidità di Aglauro, ordina all'Invidia di possedere Aglauro: questa obbedisce e Aglauro ne resta pietrificata.[26]

PoseidoneModifica

 
Poseidone sfida Atena per il controllo dell'Attica, dal cortile di palazzo Medici a Firenze
 
Paolo Farinati, Contesa fra Atena e Poseidone per il dominio sull'Attica, 1590 circa, affresco, Villa Nichesola-Conforti, Ponton di Sant'Ambrogio (Verona).

. Atena era in competizione con Poseidone per diventare la divinità protettrice della città che, all'epoca in cui si svolge questa leggenda, ancora non aveva un nome. Si accordarono in questo modo: ciascuno dei due avrebbe fatto un dono agli Ateniesi e questi avrebbero scelto quale fosse il migliore, decidendo così la disputa. Poseidone piantò al suolo il suo tridente e dal foro ne scaturì una sorgente. Questa avrebbe dato loro sia nuove opportunità nel commercio che una fonte d'acqua, ma l'acqua era salmastra e non molto buona da bere. Atena invece offrì il primo albero di ulivo adatto ad essere coltivato. Gli Ateniesi scelsero l'ulivo e quindi Atena come patrona della città, perché l'ulivo avrebbe procurato loro legname, olio e cibo. Si pensa che questa leggenda sia sorta nel ricordo di contrasti sorti nel periodo Miceneo fra gli abitanti originari della città e dei nuovi immigrati. Alcuni credono che Atena avesse addirittura condiviso una relazione con Poseidone precedentemente alla contesa per la città.

Una diversa versione della leggenda dice che Poseidone offrì in dono, anziché la sorgente, il primo cavallo, ma gli Ateniesi scelsero comunque il dono di Atena. Si può fra l'altro supporre che uno dei motivi per cui la scelta dei cittadini si orientò in questo senso, fu che Poseidone era considerato una divinità molto difficile da compiacere, che spesso aveva causato distruzioni anche nelle città delle quali era patrono. Atena rappresentava quindi un'alternativa migliore per il suo carattere meno violento.

AracneModifica

Una donna di nome Aracne un giorno si vantò di essere una tessitrice migliore di Atena, che di quest'arte era la Dea stessa. Atena andò così da lei travestita come una vecchia e consigliò Aracne di pentirsi della sua arroganza (hybris), ma la donna invece la sfidò ad una gara. Atena allora riassunse le sue vere sembianze e accettò la sfida. La Dea realizzò un arazzo che rappresentava gli Dèi che punivano gli uomini, in particolare lo scontro fra Poseidone e la città di Atene, mentre Aracne ne fece uno in cui si derideva Zeus e le sue numerose amanti. Secondo la versione di questo mito narrata nelle Metamorfosi di Ovidio, quando Atena vide che Aracne non solo aveva insultato gli Dèi ma aveva realizzato un arazzo più bello del suo, fu oltraggiata. Ridusse l'opera di Aracne in brandelli e la colpì in testa tre volte. Terrificata e umiliata, Aracne si impiccò. Al che la Dea decise di trasformarla in un ragno, obbligandola a tessere la sua tela per l'eternità e a tramandare il suo sapere ai suoi discendenti.

Perseo e MedusaModifica

Atena è al fianco di Perseo quando intraprende il viaggio al termine del quale affronterà Medusa, l'unica fra le tre Gorgoni ad essere mortale.

Atena detestava la giovane Medusa, perché, fiera della propria splendida chioma, aveva osato competere con lei nella bellezza[27]. Offesa, la dea aveva mutato Medusa in una creatura ripugnante e la sua chioma in un groviglio di serpi, cosicché chiunque ne avesse incrociato lo sguardo sarebbe rimasto pietrificato.

Atena quindi istruisce Perseo a farsi cedere dalle tre Graie i tre oggetti prodigiosi che lo aiuteranno nell'impresa di decapitare la Gorgone la cui testa dovrà portare come dono nuziale a Polidette. L'eroe riceve da Ermes un affilatissimo falcetto adamantino, dalla stessa Atena riceve lo scudo lucente attraverso il quale potrà guardare senza restare pietrificato. Ottiene dalle Graie anche gli strumenti magici.

Con l'elmo di Ade, che rende invisibili, i calzari alati e la bisaccia magica dove nascondere la testa di Medusa, Perseo giunge all'oceano attraverso la tetra foresta di statue che precede la dimora di Medusa. Atena è ancora al suo fianco e gli guida la mano. Perseo porta a compimento la propria impresa: si rende invisibile indossando l'elmo di Ade, si libra in aria grazie ai sandali alati e recide il capo di Medusa. Atena lo fisserà sulla sua ègida.

Giasone e gli ArgonautiModifica

In vista della spedizione degli Argonauti per recuperare il vello d'oro, Atena partecipò alla costruzione della nave Argo, ornando la prua con un intaglio di quercia di Dodona, sacra al padre Zeus. La dea seguì le imprese del suo protetto Giasone e dei suoi compagni.

EracleModifica

Atena era la dea protettrice del fratello Eracle e lo guidò e lo consigliò per tutta la vita. I due erano rispettivamente la figlia e il figlio preferiti da Zeus. In particolare, rilevante fu l'aiuto della dea in alcune delle fatiche di Eracle: nella prima fatica, dopo l'uccisione del leone di Nemea, Atena trasformata in anziana, consigliò Eracle su come scorticare la belva e gli suggerì di indossare la pelle come protezione invincibile agli attacchi dei nemici. Sempre Atena assistette il fratello nella sesta fatica di scacciare i letali uccelli del lago Stinfalo. Dopo aver fallito al primo tentativo , Eracle ricevette dalla dea due enormi sonagli di bronzo e con essi stordì gli uccelli, che fuggirono via liberando la popolazione vicina.

Tiresia e CaricloModifica

In una versione del mito, Atena accecò il giovane Tiresia dopo che l'aveva sorpresa mentre faceva il bagno nuda. Sua madre, la ninfa Cariclo, la supplicò di ritirare la sua maledizione, ma Atena non aveva il potere di farlo e decise, come riparazione, di dotarlo del dono della profezia.[28]

Giudizio di ParideModifica

Eris, Dea della Discordia, gettò una mela d'oro al banchetto nuziale di Peleo e Teti nell'Olimpo con incisa sopra la scritta "alla più bella". Per evitare contese fra le Dee, Zeus mandò Ermes con Atena, Afrodite ed Era sulla terra dove il giovane pastore Paride dovette fare da giudice su chi fosse la Dea più bella tra loro. Ogni Dea promise un dono a Paride in caso di vittoria: Era di renderlo ricco e potente (donandogli l'Asia minore), Atena di farlo il più saggio degli uomini (o, secondo una versione diversa, di renderlo invincibile in guerra) e Afrodite di dargli in sposa la donna più bella del mondo. Paride scelse Afrodite, causando così involontariamente la guerra di Troia.

AchilleModifica

 
Giovanni Battista Tiepolo, Atena impedisce ad Achille di uccidere Agamennone, 1757, Villa Valmarana.

Nella guerra di Troia, Atena combatte con i Greci, nonostante a Troia sia custodito il Palladio, simulacro ligneo della Dea a protezione della città. L'intervento di Atena, invisibile a tutti tranne che ad Achille, impedisce all'eroe, trattenendolo per i capelli, di uccidere Agamennone in un impeto d'ira.

OdisseoModifica

L'astuto e scaltro Odisseo aveva conquistato la benevolenza e la protezione di Atena. Questa però non aveva potuto aiutarlo nel viaggio di ritorno verso Itaca. Solo quando giunse sulla costa dell'isola di Scheria dove Nausicaa, figlia del re Alcinoo, stava lavando i suoi panni, Atena poté intervenire ed apparve in sogno alla principessa inducendola a soccorrere Odisseo e ad aiutarlo a ritornare in patria.

Ad Itaca, Atena si presenta a Odisseo sotto mentite spoglie e, mentendo, gli dice che sua moglie Penelope si è risposata perché lo si crede morto. Odisseo però riconosce la dea che, compiaciuta dalla risolutezza e sagacia dell'eroe, gli rivela la propria natura e gli spiega come fare per riconquistare il suo regno. A questo scopo muta le sembianze di lui in quelle di un vecchio mendicante, Iro, in modo che non venga riconosciuto dai Proci (i principi pretendenti alla mano di Penelope), che si sono insediati a palazzo ed assediano la regina. Lo aiuta poi a sconfiggerli, intervenendo a risolvere anche la disputa finale con i loro parenti. La dea guidò anche Telemaco, il figlio di Odisseo, nei suoi viaggi (Telemachia) assumendo la forma del precettore Mentore.

PsicologiaModifica

 
Atena Contemplativa, Museo dell'acropoli di Atene

Atena, la guerriera saggia e forte, rappresenta le qualità intellettuali, sia dell'uomo sia della donna (infatti la Dea era la protettrice delle arti femminili). Nella città di Atene erano gli uomini a prendere ogni decisione (anche riguardo alla vita delle proprie mogli o figlie), tuttavia la Dea Atena era considerata la custode del Tribunale, colei a cui spettava l'ultima parola, in caso di parità di voti. Tale prerogativa veniva fatta risalire al mitico giudizio di Oreste, accusato di matricidio.

Forse, il carattere della Dea va collegato all'idealizzazione delle donne di Sparta di condizione sociale elevata: dovevano essere atletiche, combattive, forti e sagge. La Dea è nata dal padre Zeus , è quindi "tutta del padre", con un carattere bellicoso, al punto da saper maneggiare la folgore di Zeus, con la quale uccide Aiace Oileo. Tuttavia, per contrasto, il culto femminile di Atena è attestato in Grecia e Magna Grecia dai numerosi ex voto ritrovati presso i templi; la dea viene anche invocata come protettrice delle nascite e dei bambini, in collegamento con il mito di Erittonio, suo figlio adottivo. Ad Atene, nella processione annuale delle feste Panatenaiche veniva donato alla statua della dea un prezioso peplo tessuto dalle fanciulle della città.

NoteModifica

  1. ^ G. Neumann (manca il nome dell'articolo) in "Kadmos" n.6 (1967)
  2. ^ Kn V 52 (testo 208 in Ventris e Chadwick).
  3. ^ Palaima, p. 444.
  4. ^ Burkert, p. 44.
  5. ^ ." (Cratilo 407b)
  6. ^ .” Timeo 21 e Erodoto, Storie 2:170-175.
  7. ^ γλαυκῶπις, Liddell & Scott
  8. ^ γλαύξ, Liddell & Scott
  9. ^ Karl Kerenyi suggerisce che "Tritogeneia" non significhi che essa sia nata da qualche particolare fiume o lago, ma che sia invece nata dall'acqua in quanto tale, dato che il nome Tritone sembrerebbe essere associato all'acqua in generale. (Kerenyi, p. 128).
  10. ^ R. Graves, I miti greci.
  11. ^ Burkert, p. 139.
  12. ^ Burkert, p. 140.
  13. ^ Leonhard Schmitz, "Pamboeotia" in William Smith (a cura di), A Dictionary of Greek and Roman Antiquities. London : John Murray, London, 1875, pp. 854-855 (on-line)
  14. ^ Iliade, X, v. 284, trad. it. di Maria Grazia Ciani, Marsilio, Venezia 2007
  15. ^ Realizzata in oro e avorio.
  16. ^ Da confrontare con la profezia riguardo a Teti
  17. ^ Secondo Omero, Iliade 1.570–579, 14.338(EN) , Odissea 8.312(EN) , Efesto era evidentemente il figlio di Era e Zeus, vedi Gantz, p. 74.
  18. ^ Secondo Esiodo, Teogonia 927–929(EN) , Efesto è stato generato solamente da Era, senza padre, vedi Gantz, p. 74.
  19. ^ Secondo Esiodo, Teogonia 886–890(EN) , figlia di Zeus dalle sue sette mogli, Atena è stata la prima a essere concepita, ma ultima a nascere; Zeus ingravidò Meti, poi la ingerì, in seguito lui stesso fece nascere Atena "dalla sua testa", vedi Gantz, pp. 51–52, 83–84.
  20. ^ Secondo Esiodo, Teogonia 183–200(EN) , Afrodite è nata dai genitali recisi di Urano, vedi Gantz, pp. 99–100.
  21. ^ Secondo Omero, Afrodite era la figlia di Zeus (Iliade 3.374, 20.105(EN) ; Odissea 8.308, 320(EN) ) e Dione (Iliade 5.370–71(EN) ), vedi Gantz, pp. 99–100.
  22. ^ Pausania, I, 18, 2.
  23. ^ Igino, 166.
  24. ^ R. Graves, I miti greci, "The Nature and Deeds of Athena" (trad. l'indole e le imprese di Atena) 25.d.
  25. ^ Ovidio, Metamorfosi, X. Aglauro, Libro II, 708-751.
  26. ^ Ovidio, Metamorfosi, XI. L'Invidia. Come Aglauro a causa di questa diventò una statua, Libro II, 752-832.
  27. ^ Heinrich Wilhelm Stoll e Raffaello Fornaciari, Manuale della religione e mitologia dei greci e romani di Enrico Guglielmo Stoll, pp. 180-182, Felice Paggi 1886.
  28. ^ R. Graves, I miti greci, "The Nature and Deeds of Athena" (trad. l'indole e le imprese di Atena) 25.g.

BibliografiaModifica

  • Burkert, Walter, 1985. Greek Religion (la Religione Greca) (Harvard).
  • Graves, Robert, (1955) 1960. The Greek Myths (I miti Greci) edizione riveduta.
  • Harrison, Jane Ellen, 1903. Prolegomena to the Study of Greek Religion (Prolegomeni allo studio della religione Greca).
  • Kerenyi, Karl, 1951. The Gods of the Greeks (Gli dèi degli antichi Greci) (Thames and Hudson).
  • Palaima, Thomas, 2004. "Appendix One: Linear B Sources." (Appendice 1: fonti della scrittura lineare B) In Trzaskoma, Stephen, et al., eds., Anthology of Classical Myth: Primary Sources in Translation (Antologia dei miti classici: fonti primarie per la traduzione) (Hackett).
  • Ruck, Carl A.P. e Danny Staples, 1994. The World of Classical Myth: Gods and Goddesses, Heroines and Heroes (Il mondo dei miti classici: Dei e Dee, eroi ed eroine) (Durham, NC).
  • Telenius, Seppo Sakari, 2005 e 2006. Athena-Artemis (Atena-Artemide).
  • Ventris, Michael e John Chadwick, 1973. Documents in Mycenaean Greek (Documenti in lingua Micenea) (Cambridge).

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Era · Atena · Demetra · Afrodite · Artemide · Estia (successivamente sostituita da Dioniso)
Controllo di autoritàVIAF (EN74643725 · LCCN (ENno2015006898 · GND (DE118504851 · CERL cnp00542952
  Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca