Apri il menu principale
Adriaen de Vries (1612)

Adriaen de Vries (L'Aia, 1560Praga, 1626) è stato uno scultore olandese, di tendenza manierista nordica[1][2].

Indice

BiografiaModifica

 
Monumento Risurrezione nel Mausoleo del Principe Ernst, Stadthagen (1620)

Nacque in una famiglia benestante, e dopo un apprendistato svolto con Guglielmo Fiammingo, allievo di Benvenuto Cellini, intorno al 1581 si trasferì a Firenze per lavorare sotto la guida del maestro manierista Giambologna, realizzando i putti per la cappella Grimaldi in San Francesco di Castelletto a Genova.[3]

Dopo un breve soggiorno milanese, nel 1588 venne invitato a Torino da Carlo Emanuele I di Savoia e dal 1593 realizzò busti e rilievi (Rodolfo II che onora le arti) per l'imperatore Rodolfo II a Praga, attualmente conservati presso i musei viennesi e il Victoria and Albert Museum.[4][2]

Nello stesso anno ultimò un Mercurio che strappa Psiche all'Olimpo (Museo del Louvre) e una Psiche con Cupidi (Museo nazionale di Stoccolma).[2]

Dal 1601 ricevette l'incarico di scultore della corte imperiale praghese e negli anni successivi lavorò anche per Cristiano IV di Danimarca e per Albrecht von Wallenstein.[4]

Da questo momento realizzò fontane di Mercurio e di Ercole ad Augusta, il busto di Cristiano V di Sassonia (1603), la statua di Enrico Giulio di Braunschweig (1603), il rilievo con il Martirio di san Lorenzo nel duomo di Praga, di influenza celliniana, il monumento Risurrezione nel mausoleo in Stadthagen - attualmente l'unica delle sue opere nell'ambiente originale -, i bronzi per i castelli di Frederiksborg (1623) e di Bückeburg (1622), il fonte battesimale per la chiesa di Buckenburg (1615).[4][2]

La collezione di opere più vasta di De Vries è attualmente conservata a Stoccolma, presso il Museum De Vries al Drottningholm Palace, inaugurato nel 2001.

Il suo stile fu influenzato soprattutto dal Giambologna, anche se Adriaen de Vries, dopo una prima fase dedita alle ricerche formali e disegnative, sviluppò una modellazione sempre più fluida e pittorica.[4]

NoteModifica

  1. ^ Adriaen de Vries, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011. URL consultato il 16 luglio 2018.
  2. ^ a b c d (EN) Adriaen de Vries, su britannica.com. URL consultato il 16 luglio 2018.
  3. ^ Michael Bury, "The Grimaldi Chapel of Giambologna in San Francesco di Castelletto, Genoa," MKIF 26 (1982) p 85-127.
  4. ^ a b c d le muse, IV, Novara, De Agostini, 1964, p. 177.

BibliografiaModifica

  • (EN) Scholten, Frits. Adriaen de Vries 1556-1626: Imperial Sculptor, Zwolle, Waanders, 1999.
  • (EN) jane Bassett, The Craftsman Revealed. Adriaen de Vries. Sculptor in Bronze, Los Angeles, 2008.
  • (DE) Björn R. Kommer, Adriaen de Vries: 1556–1626; Augsburgs Glanz – Europas Ruhm, Augusta, Katalog zur gleichnamigen Ausstellung der Städtischen Kunstsammlungen, 2000.
  • (DE) Lars Olof Larsson, Adrian de Vries. Adrianus Fries Hagiensis Batavus 1545–1626, Vienna, 1967.
  • (DE) Hermann Arthur Lier, Vries, Adrian de, in Allgemeine Deutsche Biographie (ADB), vol. 40, Lipsia, Duncker & Humblot, 1896, p. 407.
  • (DE) Dorothea Diemer, Adriaen de Vries: Neue Forschungen und eine bedeutende Ausstellung, in Kunstchronik, nº 52, 1999, pp. 242–259.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN72189969 · ISNI (EN0000 0001 1862 3925 · LCCN (ENnr92038679 · GND (DE118770454 · ULAN (EN500021335 · CERL cnp00588164