Apri il menu principale

Abū l-Ḥasan ʿAlī b. ʿUmar b. Aḥmad al-Dāraquṭnī (in arabo: ﺍﺑﻮ ﺍﻟﺤﺴﻦ ﻋﻠﻲ ﺑﻦ ﻋﻤﺮ ﺑﻦ ﺍﺤﻤﺪ ﺍﻟﺪﺍﺭﻗﻄﻨﻲ‎; Baghdad, 918Baghdad, 995) è stato un giurista arabo iracheno, fu tra i più noti tradizionisti, autore di una celeberrima Sunan, una delle ultime compilazioni di ḥadīth a essere giudicata meritevole di studio e di essere inclusa tra le principali opere di Sunna di tutti i tempi.

Nato nel quartiere baghdadino di Dār al-Quṭn (da cui prese la sua nisba), Abū l-Ḥasan ʿAlī ricevette un'ottima istruzione in materia religiosa (le cosiddette ʿulūm dīniyya, cioè le "scienze religiose"), sia a Baghdad, sia a Baṣra, sia a Kūfa, sia a Wāsiṭ.

Fu giudicato come uno dei principali conoscitori di tradizioni, tanto da al-Khaṭīb al-Baghdādī quanto da Abū l-Ṭayyib al-Ṭabarī[1] anche se i suoi critici ricordano come elemento di una qualche fragilità la presenza di un gran numero di tradizioni considerate "deboli" (ḍāʿif), cioè con qualche elemento formale (nella silsila) o sostanziale (nel matn) non certificato al meglio, come invece sarebbe auspicabile.[2]

Tra i suoi migliori allievi vi furono al-Ḥākim al-Nīsābūrī (m. 1014) e Abū Ḥāmid al-Isfarāʾinī (m. 1015).

Opere principaliModifica

  • Kitāb al-sunan (Libro delle consuetudini [eccellenti])
  • Kitāb al-ashqiyāʾ wa l-ajwād (tradotto da S. Wajahat Husain su The Journal of the Asiatic Society of Bengala, n.s., XXX (1934).
  • Kitāb ʿilal al-ḥadīth
  • Kitāb al-qirāʾāt (Libro sulle diverse "letture" coraniche, la cui notorietà è seconda solo al suo Sunan).

NoteModifica

  1. ^ Da non confondersi col teologo e storico Ibn Jarīr al-Ṭabarī.
  2. ^ Da ricordare tuttavia che la "debolezza" non significa "falsità" e che, ad esempio, una buona dose di "elasticità" caratterizzò molti ḥadīth raccolti nel suo Musnad dal grandissimo giurista Aḥmad b. Ḥanbal.

BibliografiaModifica

  • al-Khaṭīb al-Baghdādī, Taʾrīkh Baghdād, XII, pp. 34–40.
  • al-Dhahabī, Tadhkirat al-ḥuffāẓ, III, pp. 186–190.
  • Lemma «al-Dāraķuṭnī» (J. Robson), su: The Encyclopaedia of Islam.
Controllo di autoritàVIAF (EN90060490 · ISNI (EN0000 0000 8399 4653 · LCCN (ENn83055955 · WorldCat Identities (ENn83-055955