Al-Harith al-Muhasibi

al-Ḥārith al-Muḥāsibī (in arabo: الحارث بن أسد بن عبد الله المحاسبي البصري‎; Bassora, 781Baghdad, 857) è stato un mistico e filosofo arabo.

Fondatore della cosiddetta "Scuola di Baghdad" di Filosofia islamica, fu Maestro del noto sufi Junayd e di Sirri al-Saqati.

Il suo nome completo era Abū ʿAbd Allāh al-Ḥārith b. Asad b.ʿAbd Allāh al-Muḥāsibī al-Baṣrī.

Nacque, come dice la sua nisba, a Baṣra. Muḥāsibī - che significa "l'Ispettore di se stesso" - influenzò un gran numero di sufi, tra cui si ricorda anche al-Ghazali.

Autore di circa 200 opere,[1] scrisse di teologia islamica e di Tasawwuf (Sufismo), tra cui il Kitāb al-Khalwa e il Kitāb al-Riʿāya li-ḥuqūq Allāh ("Osservare i "limiti di Dio").

NoteModifica

  1. ^ Gavin Picken, Spiritual Purification in Islam: The Life and Works of Al-Muhasibi, Routledge (2011), p. 67

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN46881271 · ISNI (EN0000 0001 1904 970X · LCCN (ENn83165934 · BNF (FRcb126274220 (data) · CERL cnp00404433 · WorldCat Identities (ENn83-165934