Apri il menu principale

Alessandro Mantovani

pittore e decoratore italiano

Alessandro Mantovani (Ferrara, 1814Roma, 20 luglio 1892) è stato un pittore e decoratore italiano.

Indice

BiografiaModifica

I suoi genitori si chiamavano Giacomo Mantovani e Rosa Reali. Entrò molto giovane, a Ferrara, nella bottega del decoratore e scenografo Francesco Migliari (1793-1851) e partecipò quindi alla decorazione, commissionate al Migliari, di numerose case e palazzi di Ferrara «specialmente nel dipingere animali e fiori, a tempera ed acquerello con buon gusto di colorito»[1]. Fece poi studi regolari all'Accademia di belle arti di Bologna. Verso il 1835 si trasferì a Roma, sempre al seguito di Migliari, e vi rimase per il resto della sua vita; nel 1837 produsse un acquerello di Trinità dei Monti conservato nel Gabinetto comunale delle stampe a Palazzo Braschi. Prese parte in questo periodo anche alla decorazione della Cappella del Rosario nella ricostruita Chiesa di Santa Maria Assunta (Rocca di Papa). Prese parte alla decorazione del Palazzo Bolognetti-Torlonia a Piazza Venezia (sciaguratamente distrutto nel 1903; ma la cosiddetta Alcova Torlonia del Mantovani è conservata nel Museo di Roma a palazzo Braschi)[2] e alle decorazioni di Villa Torlonia su Via Nomentana.

Durante la sua attività di decoratore Mantovani coltivò anche la pittura di genere e di paesaggio, partecipando anche a mostre ed esposizioni. Importanti tuttavia furono i restauri al Palazzo del Quirinale e le Logge di Raffaello al Vaticano[3]. Fra il 1850 e il 1854 restaurò gli affreschi della volta dello scalone del Palazzo del Laterano. Con Silverio Capparoni realizzò l'affresco Salvator Mundi sulla facciata della Basilica di San Lorenzo fuori le mura.

Fra gli allievi di mantovani si ricordano Virginio Monti, Eugenio Cisterna, Giulio Marvardi e la stessa figlia Rosina, nata nel 1851, che fra l'altro fece un ritratto del padre donato all'Accademia di san Luca. Il 9 agosto 1879 Mantovani fu infatti nominato accademico di merito nella classe dei paesisti.

NoteModifica

  1. ^ Girolamo Scutellari, Cenni biografici intorno ai pittori, scultori ed architetti ferraresi dal 1750 Fino ai giorni nostri (1892), per Far seguito alle vite del Baruffaldi, Ferrara: Tipografia Sociale, 1893, p. 43
  2. ^ Carlo Pietrangeli, Il Museo di Roma: documenti e iconografia, Bologna: Cappelli, 1971, p. 159.
  3. ^ Salvatore Anau, «Giuseppe Coen», Rivista Contemporanea, anno X, 1857 p. 445 (http://books.google.it/books?id=tKUSAAAAYAAJ&pg=PA445&dq=Migliari+Mantovani Google libri])

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN47702660 · ISNI (EN0000 0001 1761 8948 · LCCN (ENnr95036849 · GND (DE124749860 · ULAN (EN500156909 · CERL cnp00582513 · WorldCat Identities (ENnr95-036849
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie