Apri il menu principale
Alexis-Henri-Marie Lépicier, O.S.M.
cardinale di Santa Romana Chiesa
Ce que fut le Congrès 03 (Alexis Lepicier).jpg
Coat of arms of Alexis-Henri-Marie Lépicier.svg
doce me facere voluntatem tuam
 
Incarichi ricoperti
 
Nato28 febbraio 1863, Vaucouleurs
Ordinato diacono21 marzo 1885
Ordinato presbitero19 settembre 1885 dal vescovo William Weathers
Nominato arcivescovo22 maggio 1924 da papa Pio XI
Consacrato arcivescovo29 maggio 1924 dal cardinale Willem Marinus van Rossum, C.SS.R.
Creato cardinale19 dicembre 1927 da papa Pio XI
Deceduto20 maggio 1936, Roma
 

Alexis-Henri-Marie Lépicier (Vaucouleurs, 28 febbraio 1863Roma, 20 maggio 1936) è stato un cardinale francese.

Indice

BiografiaModifica

Lépicier nacque a Vaucouleurs, Francia. Entrò nell'Ordine dei Servi di Maria il 1º marzo 1878 a Londra. Frequentò il Seminario di Saint-Sulpice a Parigi e la Pontificia Università Urbaniana a Roma. Ordinato presbitero il 19 settembre 1885 a Londra, servì come maestro di novizi dal 1890 fino al 1892 e fu chiamato, su desiderio di papa Leone XIII alla cattedra di Teologia dogmatica di questa stessa università dal 1892 fino al 1913. Servì come rettore del collegio internazionale Sant'Alessio Falconieri dei Servi di Maria a Roma dal 1895 fino al 1913 e divenne priore generale dell'Ordine nel 1901. Fu nominato legato pontificio per la Scozia da papa Pio X e visse in Scozia dal 1912 al 1913.

ArcivescovoModifica

Nominato arcivescovo titolare di Tarso il 22 maggio 1924 e successivamente, l'11 giugno 1924, legato pontificio per le diocesi delle Indie Orientali che dipendevano da Propaganda Fide. Servì anche come legato pontificio in Abissinia ed Eritrea nel 1927.

CardinaleModifica

Creato cardinale presbitero di Santa Susanna da papa Pio XI nel concistoro del 19 dicembre 1927, ricevette in seguito la nomina di prefetto della Congregazione per i religiosi nel 1928. Lascerà questa carica l'ultimo giorno del 1935. La sua dipartita avverrà il 20 maggio dell'anno successivo.

Genealogia episcopaleModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN66510321 · ISNI (EN0000 0001 1028 5458 · LCCN (ENno99063724 · GND (DE127003614 · BNF (FRcb121828499 (data) · BAV ADV10062324