Alfonso Dal Pozzo Farnese

vescovo cattolico italiano
Alfonso Dal Pozzo Farnese
vescovo della Chiesa cattolica
Template-Bishop.svg
 
Incarichi ricopertiVescovo di Borgo San Donnino (1620-1626)
 
Nato13 marzo 1580 a Piacenza
Nominato vescovo20 marzo 1620 da papa Paolo V
Consacrato vescovo5 aprile 1620 dal cardinale Roberto Ubaldini
Deceduto25 agosto 1626 (46 anni) a Borgo San Donnino
 

Alfonso Dal Pozzo Farnese, anche conosciuto come Alfonso Pozzi (Piacenza, 13 marzo 1580Borgo San Donnino, 25 agosto 1626), è stato un vescovo cattolico italiano.

BiografiaModifica

Secondogenito di Emilio, conte di Castelnovo val Tidone, rimase orfano del padre all'età di 7 anni. Accolto alla corte di Ranuccio I Farnese, rimase a Parma come paggetto fino all'avvio degli studi ecclesiastici nel 1592, a Roma.

Laureatosi in legge fece ritorno a Parma dove proseguì gli studi in teologia fino a quando, all'età di 23 anni, il duca Farnese lo volle come gentiluomo di corte e lo inviò come ambasciatore nella Repubblica di Venezia e nella Repubblica di Genova e lo incaricò di rappresentarlo presso il Viceré di Napoli e l'imperatore Ferdinando I d'Asburgo.

Il 30 marzo 1620 venne eletto vescovo di Borgo San Donnino da Papa Paolo V. Il 5 aprile venne consacrato a Roma dal cardinale Roberto Ubaldini nella chiesa di Santa Maria Maggiore. Il 16 aprile prese possesso della diocesi per procura e fece il solenne ingresso il 15 giugno ma dimorò a Parma sino alla morte del duca Ranuccio Farnese nel 1622.

In diocesi diede inizio alla visita pastorale il 25 luglio 1623 e celebrò il sinodo diocesano il 20 maggio 1624. Fondò il seminario, con atto del 30 aprile 1626, portando a compimento l'opera iniziata dai vescovi suoi predecessori, monsignor Papirio Picedi e monsignor Giovanni Linati.

Morì il 25 agosto 1626 a seguito di una forte colica renale, causata da un calcolo, e venne sepolto il 27 agosto nella Cattedrale di Borgo San Donnino.

Origine del cognome FarneseModifica

La famiglia Dal Pozzo acquisì il privilegio di aggiungere Farnese al cognome grazie alla devozione dimostrata ai Farnese da Barnaba Dal Pozzo, nonno di Alfonso Dal Pozzo Farnese.

Barnaba Dal Pozzo fu dottore collegiato piacentino che per primo giurò fedeltà al duca Pier Luigi Farnese quando il 23 settembre 1545 prese possesso del ducato di Parma e Piacenza. Dopo la congiura che portò alla morte del duca il 10 settembre 1547, Barnaba ebbe il coraggio di far disseppellire la salma dalla cittadella di Piacenza e farle dare sepoltura in chiesa.

Ottavio Farnese, figlio di Pier Luigi e suo successore come duca di Parma e Piacenza, in premio per la pietà dimostrata verso il padre, il 2 marzo 1573 concesse al figlio di Barnaba, Emilio Dal Pozzo, di aggiungere Farnese al cognome, i gigli azzurri in campo d'oro allo stemma di casa e lo creò conte di Castelnovo val Tidone, titolo nobiliare a cui ebbero diritto i discendenti maschi.

Genealogia episcopaleModifica

BibliografiaModifica

  • Luigi Mensi, Dizionario biografico piacentino, Piacenza, Arnaldo Forni editore, 1980 [1899], pp. 150-151.
  • Dario Soresina, Enciclopedia diocesana fidentina, Vol. I - I personaggi, Fidenza, Ed. Enciclopedia Diocesana, 1984 [1961], pp. 362-365.
  • Marzio Dall'Acqua, Enciclopedia di Parma, Parma, Franco Maria Ricci, 1998, p. 554.
  • Roberto Lasagni, Dizionario biografico dei parmigiani, Parma, Istituzione Biblioteche del Comune di Parma, 2009 (archiviato dall'url originale il 26 aprile 2014).

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica