Apri il menu principale

BiografiaModifica

A 22 anni entra a far parte della brigata partigiana "Stefano Stella" guidata da Luigi Pierobon, da ragazzo negli studi era stato mediocre, anche a militare era rimasto soldato semplice.

Entrato nella Resistenza vicentina, diventa commissario politico dopo pochi mesi e la sua carriera progredisce in modo veloce infatti diventa commissario di battaglione, in quattro mesi da studente "fuori corso" diventa commissario di una delle formazioni partigiane più organizzate e combattive del vicentino.

Nella notte tra il 23 e il 24 luglio 1944 fa parte del gruppo che attacca il Sottosegretariato alla Marina della RSI che ha sede a Montecchio Maggiore, nell'attacco la squadra riesce a sottrarre materiale bellico[1].

È lui che diventerà il responsabile di tutta la documentazione riguardante la brigata Stella, la quale alla fine della guerra permetterà di avere un quadro complessivo dell'attività resistenziale della brigata e non solo.
Muore a Selva di Trissino 1973

NoteModifica

  1. ^ Luca Valente Archiviato il 6 febbraio 2009 in Internet Archive. - visto 6 marzo 2009

BibliografiaModifica

  • Sempre con la morte in gola. Archivio storico della Brigata Stella - Divisione Garemi. 1º gennaio - 22 settembre 1945

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica