Aloe (botanica)

genere di pianta della famiglia Aloeaceae
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Aloe
Aloe succotrina - Köhler–s Medizinal-Pflanzen-007.jpg
Aloe succotrina
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Liliopsida
Ordine Liliales
Famiglia Aloeaceae
Genere Aloe
L., 1753
Classificazione APG
Ordine Asparagales
Famiglia Asphodelaceae
Sottofamiglia Asphodeloideae
Specie

Aloe L., 1753 (pronuncia: àloe o alòe) è un genere di piante succulente xerofile della famiglia delle Aloeaceae (o Asphodelaceae secondo la classificazione APG[1]) che raggruppa oltre 500 specie.[2]

Distribuzione e habitatModifica

Il genere è originario dell'Africa ed è molto comune in Africa del Sud, sulle montagne dell'Africa tropicale e nelle aree limitrofe al continente (Madagascar e Penisola arabica).

TassonomiaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Specie di Aloe.

Il genere comprende oltre 500 specie, tra cui:[2]

Sinonimi obsoletiModifica

Alcune specie attribuite in passato al genere Aloe sono state segregate in altri generi:[3]

UsiModifica

 
Aloe
 
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
  • Svolge un'azione antinfiammatoria, antidolorifica, antiparassitaria e stimolante delle difese immunitarie, oltre a essere sedativo e antiemorragico.[4]
  • I tessuti carnosi sono usati freschi su piccole ustioni, per uso interno in gastriti e ulcere, e come cosmetici.
  • La polpa appena estratta o stabilizzata con procedimenti antiossidatori, viene usata efficacemente contro scottature, irritazioni della pelle e per combattere la psoriasi[senza fonte].
  • La resina estratta viene usata da lassativo in medicina popolare e fitomedicina sin dal Medioevo, in quanto stimola la contrazione della muscolatura del grosso intestino, ma già ai tempi di Dioscoride (I secolo d.C.) erano note le sue proprietà.[senza fonte]
  • Alcune specie come Aloe arborescens sono utilizzate per realizzare dei preparati con un alto contenuto di sostanze ritenute antitumorali.[senza fonte]
  • Estratti dei tessuti carnosi sono utilizzati sin dall'antichità come essenza odorosa per profumi, e nuovamente persino in alimenti (obsoleto per il contenuto di antrachinoni lassativi).
  • Alcune specie sono coltivate per ornamento.

NoteModifica

  1. ^ (EN) The Angiosperm Phylogeny Group, An update of the Angiosperm Phylogeny Group classification for the ordines and families of flowering plants: APG IV, in Botanical Journal of the Linnean Society, vol. 181, nº 1, 2016, pp. 1–20.
  2. ^ a b (EN) Species of Aloe, in Plants of the World Online, Board of Trustees of the Royal Botanic Gardens, Kew. URL consultato il 26/1/2020.
  3. ^ (EN) Manning J., Boatwright J.S., Daru B.H., Maurin O., van der Bank M, A Molecular Phylogeny and Generic Classification of Asphodelaceae Subfamily Alooideae: A Final Resolution of the Prickly Issue of Polyphyly in the Alooids?, in Systematic Botany, vol. 39, nº 1, 2014, pp. 55–74, DOI:10.1600/036364414X678044.
  4. ^ "Farmacia al naturale" di Maddalena Colombo, pubbl. su "Sapere&Salute", anno V, nov.2000, num29, pag.16

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàNDL (ENJA00569639
  Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica