Apri il menu principale

«Dopo quella sommissione il vescovo e il marchese parimenti a piè nudi
per mezzo della città si avviarono alla chiesa maggiore della Santa Madre di Dio,
dove furono in pace, ricevuti dall'arcivescovo, dal clero e da tutto il popolo Milanese»

(Istoria dell'Italia occidentale. Libro IV, Capitolo II. Carlo Denina. Torino 1809)
Alrico
vescovo della Chiesa cattolica
BishopCoA PioM.svg
 
TitoloAsti
 
Consacrato vescovo1008
Deceduto1034
 

Alrico (... – 1034) è stato un vescovo italiano. È stato vescovo di Asti tra il 1008 ed il 1034.

Indice

BiografiaModifica

Un documento del 4 maggio 1034 cita l'anno come il 34º dell'episcopato di Alrico.
Che l'elezione fosse avvenuta nel 1008 è anche confermato da un documento rinvenuto da Vincenzo Promis, contenente una donazione fatta in quell'anno dal vescovo astigiano al monastero dei ss.Apostoli.
L'elezione di Alrico, diede luogo ad un'annosa controversia tra lui e l'arcivescovo di Milano Arnolfo.

L'imperatore Enrico, contrario alla politica del vescovo di Asti Pietro, depose il suddetto, consacrando al suo posto Alrico.[1]

Alrico andò a Roma dove ottenne da papa Giovanni XVIII la consacrazione.

Arnolfo, contrario a questa intromissione dell'imperatore, scomunicò Alrico, radunò l'esercito e mosse alla volta di Asti.
Giunto nei pressi della città, la cinse d'assedio sorprendendo Alrico ed il marchese Olderico Manfredi II, suo fratello.

L'assedio fece capitolare gli astigiani, l'arcivescovo depose Alrico, lo spogliò dei segni della sua carica (pastorale ed anello) e lo costrinse con Manfredi ad attraversare la città di Milano a piedi nudi fino alla sede metropolitana, dove i due vennero perdonati ed Alrico ricevette nuovamente l'anello e il pastorale dalle mani dell'arcivescovo.

Ad Alrico va dato il merito di aver traslato il corpo di sant'Aniano nella omonima collegiata presso il Castello Vecchio di Asti e di aver fondato le abbazie di Caramagna Piemonte e di San Giusto di Susa.

Alrico morì nella battaglia di Campomalo, combattendo tra le file dell'arcivescovo Ariberto d'Intimiano contro i valvassori ribelli. Secondo quanto narra Arnolfo di Milano, la morte del vescovo di Asti fu determinante per lo scontro, gettando nello sconforto Ariberto ed elevando il morale dei suoi avversari, che conquistarono la vittoria.

NoteModifica

  1. ^ La questione della elezione di Alrico è controversa. Alcuni studiosi ( A. Della Chiesa, G. Fiamma e C.Sigonio) escludono che l'elezione di Alrico sia potuta avvenire per opera di Enrico II, che anzi era alleato del clero italiano nella lotta contro gli Arduinici. È molto più probabile che l'elezione sia stata voluta dagli Anscarici, visto che Alrico era fratello di Olderico e cugino di Arduino, proprio in contrapposizione all'arcivescovo di Milano. Gabiani N., Asti nei principali suoi ricordi storici vol 1, 2,3. Tip.Vinassa 1927-1934, Volume I, pag 448,

BibliografiaModifica

  • G. Assandria, Il libro verde della Chiesa di Asti.
  • Pietro Giovanni Boatteri,Serie cronologica-storica de'Vescovi della Chiesa d'Asti, Asti 1807
  • Gaspare Bosio, Storia della Chiesa di Asti, Asti 1894
  • Gabotto F., Le più antiche carte dell'archivio capitolare di Asti (Corpus Chart. Italiae XIX). Pinerolo Chiantore-Mascarelli 1904
  • Lorenzo Gentile Storia della Chiesa di Asti, Asti 1934
  • Ughelli,in Italia Sacra, Astenses Episcopi, Venezia 1719
  • Carlo Vassallo, Gli Astigiani sotto la denominazione straniera, Firenze 1879
  • Guglielmo Visconti, Diocesi di Asti e Istituti di vita religiosi, Asti 2006
  • Arnolfo, Gesta archiepiscoporum mediolanensium

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica