Amaryllis paradisicola

Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Amaryllis paradisicola
Immagine di Amaryllis paradisicola mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 VU it.svg
Vulnerabile[1]
Classificazione APG IV
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
(clade) Angiospermae
(clade) Mesangiosperme
(clade) Monocotiledoni
Ordine Asparagales
Famiglia Amaryllidaceae
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Liliopsida
Ordine Liliales
Famiglia Amaryllidaceae
Genere Amaryllis
Specie A. paradisicola
Nomenclatura binomiale
Amaryllis paradisicola
Snijman, 1998

Amaryllis paradisicola Snijman, 1998 è una pianta bulbosa della famiglia delle Amaryllidaceae, endemica del Sudafrica.[1][2][3]

DescrizioneModifica

La pianta ha le foglie lanceolate e verdi; l'infiorescenza è composta da 10-21 fiori, inizialmente di colore rosa porpora, più scuri nel tempo.[4]

Distribuzione e habitatModifica

La specie è nota da due subpopolazioni, la più grande delle quali comprende meno di 1000 esemplari, che crescono sulle rupi di quarzite ombreggiate del Parco nazionale Richtersveld, vicino alla città di Vioolsdrif, nella provincia sudafricana del Capo Settentrionale. L'ambiente in cui si trova la pianta è molto più secco e più fresco di quello goduto da Amaryllis belladonna nel Capo Occidentale.[5]

ConservazioneModifica

La Lista rossa IUCN classifica Amaryllis paradisicola come specie vulnerabile.[1][5]

A causa della ristrettezza del suo areale e della esiguità delle popolazioni note, la specie è particolarmente soggetta alla pressione delle popolazioni di babbuini presenti nell'area.[5]

La specie è anche soggetta a raccolta per usi medici, ma il reale impatto di tale attività non è noto.[5]

NoteModifica

  1. ^ a b c (EN) Snijman, D.A., Van Wyk, P.C.V., Raimondo, D. & von Staden, L. 2016, Amaryllis paradisicola, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2020.2, IUCN, 2020. URL consultato il 4 settembre 2019.
  2. ^ (EN) Amaryllis paradisicola, su theplantlist.org. URL consultato il 4 settembre 2019.
  3. ^ (EN) Snijman D.A. & Williamson G., A new species of Amaryllis from the Richtersveld, South Africa, in Bothalia, vol. 28, 1998, pp. 192–196.
  4. ^ Amaryllis paradisiscola, su pacificbulbsociety.org.
  5. ^ a b c d (EN) Amaryllis paradisicola, su Red List of South African Plants. URL consultato il 4 settembre 2019.

Altri progettiModifica

  Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica