André Morellet

economista, enciclopedista e traduttore francese

André Morellet (Lione, 7 marzo 1727Parigi, 12 gennaio 1819) è stato un economista, enciclopedista e traduttore francese.

André Morellet
Andre Morellet by Massol.png

Deputato del Corpo legislativo dell'Impero francese
Durata mandato18 febbraio 1808 - 20 marzo 1815
In carica

Dati generali
Titolo di studioLaurea in economia e in teologia
UniversitàCollegio della Sorbona
Professioneeconomista, traduttore, saggista
FirmaFirma di André Morellet
Réfutation de l'ouvrage qui a pour titre Dialogues sur le commerce des bleds, 1770

BiografiaModifica

Studiò alla Sorbona insieme con Loménie de Brienne, Jérôme-Marie Champion de Cicé e Turgot; frequentava i salotti di du Deffand, de Brienne e madame Necker. Laureato in economia e teologia, diviene prete gesuita ma poi lasciò gli incarichi religiosi attivi.

Morellet tradusse in francese Dei delitti e delle pene di Cesare Beccaria e frequentò la coterie holbachiana, il salotto del filosofo ateo barone d'Holbach.[1] Traducendo il testo di Beccaria dall'italiano, Morellet diede ad esso notorietà ma apportò peraltro numerose modifiche, mutando la suddivisione in paragrafi e ritoccandolo in più punti: a questo proposito, Diderot parlò infatti di «un vero assassinio»;[1] poiché, tuttavia, Beccaria diede il suo avallo alla traduzione, essa circolò largamente e sulla base della versione di Morellet fu compiuta anche una revisione del testo italiano (a partire dall'edizione uscita a Livorno con l'indicazione "Londra 1774").[1]

Pubblicò diversi scritti coraggiosi, come Cri des familles e Cause des pères. Venne onorato con incarichi durante l'età napoleonica, divenendo deputato. Morì a quasi 92 anni.

OpereModifica

  • Réfutation de l'ouvrage qui a pour titre Dialogues sur le commerce des bleds, Londra, 1770.
  • Théorie du paradoxe (1775)
  • Réponse sérieuse à M. L**, par l'auteur de la théorie du paradoxe (1775)
  • Éloges de Madame Geoffrin, contemporaine de Madame Du Deffand, par MM. Morellet, Thomas et d'Alembert, suivis de lettres de Mme Geoffrin et à Mme Geoffrin, et d'un Essai sur la conversation (1812)
  • Mélanges de littérature et de philosophie du XVIII siècle (1818)
  • Mémoires de l'abbé Morellet, de l'Académie française, sur le dix-huitième siècle et sur la Révolution (1821)
  • Lettres inédites de l'abbé Morellet, sur l'histoire politique et littéraire des années 1806 et 1807, pour faire suite à ses Mémoires (1822)

NoteModifica

  1. ^ a b c BECCARIA, Cesare in "Dizionario Biografico", su treccani.it. URL consultato il 4 dicembre 2016.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN41844302 · ISNI (EN0000 0000 8189 3904 · SBN CFIV110506 · BAV 495/221264 · CERL cnp01318004 · LCCN (ENn87912214 · GND (DE118882317 · BNF (FRcb119168283 (data) · J9U (ENHE987007273405605171 · NDL (ENJA00557809 · WorldCat Identities (ENviaf-41844302