Apri il menu principale

Angelo Morino

scrittore, traduttore e editore italiano

Angelo Morino (Susa, 1950Torino, 10 agosto 2007) è stato uno scrittore, traduttore, editore e docente universitario italiano.

BiografiaModifica

Si è laureato in Lingue e Letterature Straniere Moderne nell'aprile 1974, presso l'Università di Torino, con una tesi su Mario Vargas Llosa.

Dal 1980 è stato ricercatore presso l'ateneo torinese e nel 1986 è diventato professore associato presso l'Università dell'Aquila, dove ha insegnato dapprima lingue e letterature ispaniche e poi filologia spagnola. Infine, a partire dal 1995, è diventato titolare dell'insegnamento di letteratura ispanoamericana presso l'Università di Torino.

Angelo Morino è stato tra i massimi promotori in Italia della letteratura ispanoamericana. Ha curato e tradotto in italiano oltre 150 titoli, tra romanzi e racconti latinoamericani, dando vita a preziose collaborazione editoriali, specie con l'editore Sellerio di Palermo. Tra i più importanti scrittori dei quali ha curato le opere figurano Gabriel García Márquez, Mario Vargas Llosa, Osvaldo Soriano, Marco Denevi, Manuel Puig, Jaime Bayly.

È stato il primo a tradurre in Italia lo scrittore cileno Roberto Bolaño, sempre con Sellerio. Bolaño ha inserito un personaggio ispirato a Morino in 2666 - Parte dei critici dove ha menzionato sia il traduttore che l'opera di quest'ultimo Il libro di cucina di Juana Inés de la Cruz[1][2].

Angelo Morino si è anche occupato della percezione del Nuovo mondo da parte dei viaggiatori e dei cronisti spagnoli ed europei. Per Sellerio ha pubblicato i resoconti dei cronisti spagnoli sulle Indie (Bernardino de Sahagún, Lope de Aguirre); occupandosi anche di letteratura mistica, Juana Inés de la Cruz).

È stato tra i fondatori della casa editrice torinese La Rosa.

All'attività di traduttore e di editore ha affiancato la produzione di libri e romanzi propri, come In viaggio con Junior, Rosso Taranta, Quando internet non c'era, Il film della sua vita.

È morto prematuramente nell'agosto 2007 all'età di 57 anni. Dopo la scomparsa di Morino, la traduzione di Bolaño è stata poi affidata a Ilide Carmignani, che ha tradotto l'opera omnia per Adelphi.

OpereModifica

  • Le americane, 1984
  • La donna marina, 1984
  • Cose d'America, 1995
  • Nome e cognome di donna. Assunta Spina, 1996
  • Marta Riquelme ovvero Non toccare la donna bianca, 1996
  • Il cinese e Marguerite, 1997
  • Il libro di cucina di Juana Inés de la Cruz, 1999
  • In viaggio con Junior, 2002
  • Rosso taranta, 2006
  • Quando internet non c'era, 2009
  • Il film della sua vita, 2012

Traduzioni (parziale)Modifica

Roberto BolañoModifica

  • La letteratura nazista in America
  • Stella distante
  • Chiamate telefoniche
  • I detective selvaggi
  • Notturno cileno
  • La pista di ghiaccio
  • Puttane assassine
  • Monsieur Pain
  • Il gaucho insostenibile
  • Anversa
  • Consigli di un discepolo di Jim Morrison a un fanatico di Joyce

Gabriel García MárquezModifica

  • Foglie morte
  • Occhi di cane azzurro
  • Il generale nel suo labirinto
  • La mala ora
  • L'amore ai tempi del colera
  • Dodici racconti raminghi
  • Dell'amore e di altri demoni
  • Taccuino di cinque anni
  • Notizia di un sequestro

NoteModifica

  1. ^ Roberto Bolaño, 2666, Adelphi Edizioni spa, 13 febbraio 2013, ISBN 9788845972829. URL consultato il 24 febbraio 2019.
  2. ^ Mistero Bolaño. Conversazione con Ilide Carmignani, su leparoleelecose.it.
Controllo di autoritàVIAF (EN17235461 · ISNI (EN0000 0000 6155 7604 · SBN IT\ICCU\CFIV\011742 · LCCN (ENn82239964 · BNF (FRcb120200225 (data) · WorldCat Identities (ENn82-239964