Angelo Pozzi
L'arbitro Pozzi.jpg
L'arbitro Pozzi nel 1926.
Informazioni personali
Arbitro di Football pictogram.svg Calcio
Sezione Milano, poi Monza
Attività nazionale
Anni Campionato Ruolo
1919-1922
1922-1924
1924-1925
1926-1927
1927-1929
Prima Categoria
Seconda Divisione
Prima e Seconda Divisione
Prima e Divisione Nazionale
Prima Divisione
Arbitro
Arbitro
Arbitro
Arbitro
Arbitro
Premi
Anno Premio
1920
1924
1929
Distintivo d'argento
Arbitro federale
Arbitro benemerito

Angelo Pozzi (Monza, 22 novembre 1895[1]Monza, 29 ottobre 1968) è stato un arbitro di calcio e dirigente sportivo italiano.

È stato erroneamente citato come arbitro di Mantova e Treviglio, ma lui non aveva mai lasciato Monza ed era iscritto fra gli arbitri di Monza e citato negli elenchi del C.I.T.A. quale arbitro di Monza.[2]

BiografiaModifica

Fu uno dei fondatori degli arbitri di Monza che nel 1928 si costituirono come sottosezione monzese del Gruppo Arbitri Milanesi "Umberto Meazza" con Luigi Pirovano, Attilio Paleari, Emilio Gariboldi, Marco Confalonieri, Angelo Venuto Perego ed Enrico Baragiotta. Mentre lui Gariboldi e Paleari fecero il corso aspiranti arbitri federale, tutti gli altri iniziarono ad arbitrare nel 1925 alla costituzione del Comitato U.L.I.C. Brianteo di Monza e, solo successivamente nel 1928, furono inseriti nel ruoli del C.I.T.A. frequentando uno dei primi corsi indetti dal Gruppo Arbitri Milanesi.

ArbitroModifica

Inizia ad arbitrare nel 1919[3], quale tesserato per l'A.C. Monza. Già nel 1920 l'Associazione Italiana Arbitri gli conferisce il distintivo d'argento per essersi distinto nella stagione sportiva 1919-1920.[4]

All'inizio della stagione 1924-1925 la Commissione Tecnica che gestiva gli arbitri della Lega Nord lo promuove da arbitro regionale ad arbitro federale mandandolo a dirigere le partite di Seconda Divisione. La stagione successiva è abilitato alla conduzione delle gare di Prima Divisione esordendo dirigendo la partita Mantova-Sampierdarenese (1-1) del 6 dicembre 1925.[5]

Il 24 novembre 1927 è tra i fondatori del Gruppo Arbitri Milanesi "Umberto Meazza", presieduto da Alberto Crivelli.[6]
Nel 1928 viene costituito il SottoGruppo Arbitri di Monza, che fu riconosciuto dal C.I.T.A. soltanto nel 1932.[7]

Terminò l'attivitò arbitrale nel 1929 e gli fu attribuito l'attestato di benemerenza.[2]

Dopo la fine del conflitto mondiale fu eletto presidente del Comitato di Lega Giovanile di Monza per la stagione 1947-1948[8], carica che mantenne fino alla fine della stagione 1951-1952.[9]

NoteModifica

  1. ^ Anagrafe del Comune di Monza, anno 1895.
  2. ^ a b Annuario FIGC 1932.
  3. ^ La gazzetta dello sport, le designazioni degli arbitri lombardi in cui lui compare sono state pubblicate dai comunicati ufficiali del Comitato Regionale Lombardo trascritti integralmente sulla rosea.
  4. ^ La gazzetta dello sport, di venerdì 7 luglio 1920, delibera A.I.A. datata 17 giugno 1920.
  5. ^ Fontanelli-Lanzarini, p. 20.
  6. ^ A.I.A. Milano, dopo p. 55, II pagina illustrata con fotocopia dell'articolo della Gazzetta.
  7. ^ AIA Monza.
  8. ^ Dal settimanale milanese "Lo Stadio", anno III n.46 del 31 dicembre 1947 (microfilmato e conservato dalla Biblioteca Nazionale Braidense di Milano.
  9. ^ Comunicati ufficiali pubblicati dal Corriere di Monza e Brianza (Monza, Biblioteca Civica).

BibliografiaModifica

  • La gazzetta dello sport, Milano, dal 1898 a oggi, giornale sportivo conservato microfilmato dalla Biblioteca Nazionale Braidense a Milano nella "Mediateca Santa Teresa" in Via Moscova 28, oppure dalla Biblioteca comunale centrale di Milano a Palazzo Sormani.
  • Carlo Fontanelli, Alessandro Lanzarini, Cento anni di calcio - Italia 1925/26 - Juventus atto II, Fornacette (PI), Mariposa Editrice S.r.l., aprile 1998, p. 22.
  • Carlo Fontanelli, Cento anni di calcio - Italia 1926/27 - Lo scudetto revocato, Fornacette (PI), Mariposa S.r.l., luglio 1997, p. 76.

Collegamenti esterniModifica