Anthony Rumbold

diplomatico inglese
Anthony Rumbold

Ambasciatore del Regno Unito in Thailandia
Durata mandato 1965 –
1967
Monarca Elisabetta II
Predecessore Dermot MacDermot
Successore Neil Pritchard

Ambasciatore del Regno Unito in Austria
Durata mandato 1967 –
1970
Monarca Elisabetta II
Predecessore John Pilcher
Successore Peter Wilkinson

Dati generali
Prefisso onorifico Sir
Università Magdalen College

Horace Anthony Claude Rumbold, X baronetto (7 marzo 19114 dicembre 1983), è stato un diplomatico inglese.

BiografiaModifica

Era il figlio di Sir Horace Rumbold, e di sua moglie, Etheldred Constantia Fane. Frequentò l'Eton College e Magdalen College, e per un breve tempo, il The Queen's College.

CarrieraModifica

Nel 1935 intraprese la carriera diplomatica. Nel 1937 lavorò a Washington D.C., nel 1942 al Foreign Office britannico, prima di stare in Italia nel 1944 nel personale del ministro del Quartier Generale Alleato del Mediterraneo, Harold Macmillan.

Si trasferì a Praga nel 1947, tornò al Foreign Office nel 1949 come capo del dipartimento dell'Europa meridionale con la carica di consigliere, carica che mantenne anche quando si trasferì a Parigi nel 1951. Nel marzo 1954 è stato nominato capo di gabinetto del ministro degli Esteri, Anthony Eden. Lo accompagnò nei diversi viaggi all'estero, tra cui la Conferenza di Ginevra[1], nel maggio 1954, a Washington D.C. nel mese di giugno per l'incontro con il Segretario di Stato, John Foster Dulles, e il presidente Dwight D. Eisenhower[2][3], e in un tour delle capitali europee nel mese di settembre nel 1954[4].

Quando Churchill si dimise, Eden divenne il primo ministro nell'aprile 1955, Rumbold rimase per alcuni mesi come capo di gabinetto del nuovo Ministro degli Esteri, Harold Macmillan, che accompagnò a San Francisco nel mese di giugno 1955 per l'incontro tra i ministri degli esteri degli Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia e Russia in vista del vertice di Ginevra nel mese successivo[5].

Rumbold lasciò il Ministero degli Esteri per un tempo, poi tornò, come assistente del Sottosegretario di Stato (1957-1960), responsabile delle relazioni europee ed est-ovest. Ancora una volta accompagnò il ministro degli Esteri, ora Selwyn Lloyd, nei negoziati internazionali, tra cui la visita di Eisenhower in Inghilterra nel mese di agosto 1959[6].

Nel 1965 è stato nominato ambasciatore in Thailandia[7]; mentre era lì era anche rappresentante del Regno Unito al Consiglio di SEATO. Nel 1967 è stato nominato ambasciatore in Austria[8]. Si è ritirato dal servizio diplomatico nel 1970.

MatrimoniModifica

Primo MatrimonioModifica

Sposò, il 29 giugno 1937, Felicity Ann Bailey (?-1984), figlia del tenente colonnello Frederick Bailey. Ebbero quattro figli:

La coppia divorziò nel 1974.

Secondo MatrimonioModifica

Sposò, il 14 dicembre 1974, Pauline Laetitia Tennant , figlia di David Francis Tennant. Non ebbero figli.

MorteModifica

Morì il 4 dicembre 1983, all'età di 72 anni.

OnorificenzeModifica

Onorificenze britannicheModifica

  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di San Michele e San Giorgio
  Commendatore dell'Ordine reale vittoriano
  Cavaliere dell'Ordine del Bagno

Onorificenze straniereModifica

  Commendatore dell'Ordine reale norvegese di Sant'Olav
  Cavaliere di Grande Stella dell'Ordine al merito della Repubblica austriaca

NoteModifica

  1. ^ The Times, London, 24 May 1954, page 6
  2. ^ The Times, London, 24 June 1954, page 6
  3. ^ Prime Minister And Mr Eden Leave For U.S., The Times, London, 25 June 1954, page 6
  4. ^ The Times, London, 10 September 1954, page 8
  5. ^ Ministers' Talk In San Francisco, The Times, London, 22 June 1955, page 10
  6. ^ Leaders' Visit To Oxford, The Times, London, 31 August 1959, page 8
  7. ^ The London Gazette, 19 March 1965
  8. ^ The London Gazette, 19 December 1967
Controllo di autoritàVIAF (EN4958155191940082440006 · WorldCat Identities (ENviaf-4958155191940082440006
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie