Antica Libia

regione nella geografia antica

Il nome Libia (in greco antico: Λιβύη, Libyē; in latino: Libia) si riferiva in antichità alla regione ad ovest del Nilo, corrispondente grosso modo al moderno Maghreb. Era conosciuta come "Tjehenu" dagli antichi egizi[1].

Mappa del mondo di Erodoto.

Nel periodo ellenistico, i berberi erano conosciuti come libici[2]. Le loro terre erano chiamate "Libia" e si estendevano dal Marocco moderno ai confini occidentali dell'antico Egitto. L'Egitto moderno contiene l'oasi di Siwa, che faceva parte dell'antica Libia. La lingua siwi, una lingua berbera, è ancora parlata nella zona.

Più strettamente, il toponimo faceva riferimento al paese immediatamente ad ovest dell'Egitto, vale a dire la Marmarica (Libia Inferiore) e la Cirenaica (Libia Superiore). Il Mar Libico o Mare Libycum era la porzione del Mar Mediterraneo a sud di Creta, tra Cirene ed Alessandria d'Egitto.

NoteModifica

  1. ^ Raymond O'Faulkner (a cura di), A Concise Dictionary of Middle Egyptian, p. 306.
  2. ^ Roland Oliver e Brian M. Fagan, Africa in the Iron Age: c. 500 B.C. to A.D. 1400, Cambridge University Press, 1975, p. 47.

Voci correlateModifica

  Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca