Apri il menu principale

Antonio Parisi

giornalista, scrittore e storico italiano
Antonio Parisi
Antonio Parisi con Re Umberto II
Antonio Parisi con l'Arciduca Otto d'Asburgo
La BMW verosimilmente utilizzata per il rapimento di Emanuela Orlandi e ritrovata da Antonio Parisi, nel parcheggio di Villa Borghese a Roma

Antonio Parisi (Ginosa, 23 gennaio 1960) è un giornalista, scrittore e storico italiano.

BiografiaModifica

Si è occupato di politica ricoprendo l'incarico di Segretario Nazionale del Fronte Monarchico Giovanile dell'UMI dal 1982 sino alla morte dell'ultimo Re d’Italia, Umberto II, avvenuta il 18 marzo 1983. Fu fondatore nel 1984 con Sergio Boschiero del movimento politico Fert[1]. Dopo la morte di Re Umberto II, ha collaborato, fino al 2000, con l'Arciduca Otto d'Asburgo.

Insieme al giornalista e parlamentare Gustavo Selva ha ricostruito in Italia l'Unione Paneuropea.

Dopo aver lavorato al quotidiano Commercio Estero, organo dell'Istituto nazionale per il commercio estero, fu chiamato nel 1992 a dirigere il mensile economico internazionale Europa Finanza. Nel 1992 ebbe anche la direzione della Tv toscana Tele 90 a cui seguì nel 1994, per 9 anni, la direzione responsabile dell'emittente nazionale Rete Mia subentrando nell'incarico a Ruggero Orlando. È autore delle trasmissioni, Italia Più ed Europa Più trasmesse sulla piattaforma Sky. Successivamente ha diretto il quotidiano a tiratura nazionale Il Meridiano[2]. Scrive ora per diverse testate settimanali italiane dove ha firmato tra le altre delle inchieste sul caso Emanuela Orlandi, di cui scoprì la BMW con cui fu presumibilmente rapita, sulla morte di Edoardo Agnelli (1954-2000) e sulla Sacra Sindone[3][4], rinvenendo i documenti che comprovano gli appetiti di Hitler sulla reliquia di Torino. Ha condotto una approfondita indagine sulle foibe piemontesi e sugli eccidi successivi al 25 aprile 1945.

Nel 2006 è stato insignito a Venezia dall'Accademia dei Sbandai dell'omonimo premio per i suoi scritti sulla Casa d'Asburgo.

Per il suo libro sul caso Parolisi ha vinto l'edizione 2013 de I sapori del giallo, rassegna di letteratura poliziesca e gastronomia che si tiene ogni anno a Langhirano.

Nel 2019 al Salone del Libro di Torino per il volume "Ucraina" riceve assieme a Fabrizio Bertot, il Premio Internazionale "Volterrani".

Dalla fine del 2015 è portavoce della Chiesa Ortodossa italiana autocefala.

OpereModifica

  • L'Italia delle foreste e del legno - 1992 (in collaborazione con Gianni Crovato e Fabiana Canestrelli). Edizioni Abete. IBSN BB-7047-047
  • I misteri di casa Agnelli – 2011. Aliberti Editore. ISBN 978-88-7424-697-7
  • E liberaci dal male, i segreti della terza loggia, scandali in Vaticano - 2012. Aliberti Editore. ISBN 978-88-7424-901-5
  • Il caso Parolisi, sesso, droga e Afghanistan - 2013 (in collaborazione con Alessandro De Pascale). Imprimatur editore. ISBN 978-88-6830-041-8
  • Il Califfato del terrore, gli uomini, le armi e i segreti dello Stato Islamico-2014. GVE-Guido Veneziani Editore. ISBN 978-0-9926414-0-5
  • Enti Inutili, una rapina agli italiani di cui si parla e si sa Troppo poco-2015. Imprimatur editore. ISBN 978-88-6830-109-5
  • Ucraina, una guerra geopolitica tra Stati Uniti e Russia-2019 (in collaborazione con Fabrizio Bertot)- Historica Editore. ISBN 978-88-33370-91-0
  • Gli Agnelli-2019. Diarkos Editore. ISBN 978-88-32176-02-5

OnorificenzeModifica

NoteModifica

  1. ^ Il Tempo, Taranto, 20 ottobre 1981: “Monarchici in 200 aspettando il Re”, Antonio Biella
  2. ^ Copia archiviata, su adnkronos.com. URL consultato il 19 giugno 2014 (archiviato dall'url originale il 12 novembre 2013).
  3. ^ Raffaella Notariale, 2010, Segreto criminale – la vera storia della Banda della Magliana
  4. ^ Caso Orlandi, trovata auto descritta dalla Minardi: potrebbe essere la Bmw utilizzata per il rapimento - Il Messaggero

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN142144928828554441045 · WorldCat Identities (EN142144928828554441045
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie