In geometria l'arbelo è una figura geometrica piana delimitata da tre semicirconferenze. Il termine arbelo deriva dal greco e indica il "trincetto da calzolaio". Sembrerebbe essere la prima[senza fonte] figura che prende il nome da oggetti di uso quotidiano, in particolare da attrezzi artigianali o contadini. Probabilmente un'arma persiana aveva la stessa forma. L'arbelo è stata oggetto di studio da parte di Archimede ed è la base per la costruzione dei cerchi gemelli di Archimede.

Arbelo

La costruzione dell'arbelo è la seguente: sul diametro di un semicerchio si fissa un punto qualsiasi e si descrivono le due semicirconferenze interne al semicerchio dato e aventi come diametro rispettivamente e La figura che ne risulta, limitata dalle tre semicirconferenze, è detta arbelo.

Posto e l'area dell'arbelo, che indichiamo con è:

Indicato con la lunghezza del segmento innalzato perpendicolarmente ad fino ad incontrare la semicirconferenza maggiore in per il secondo teorema di Euclide, si ha che pertanto il valore della superficie può essere espresso anche come

Si può pertanto concludere che: l'area dell'arbelo è uguale a quella del cerchio di diametro

Se indichiamo con il perimetro dell'arbelo si ha:

Quindi: il perimetro dell'arbelo è uguale alla lunghezza della circonferenza di diametro

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

  Portale Matematica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di matematica