Aristia (tragico)

drammaturgo greco antico

Aristia (in greco antico: Αριστίας, Aristías; in latino: Aristias; Fliunte, inizio del VI secolo a.C. – dopo il 467 a.C.) è stato un tragediografo greco antico.

BiografiaModifica

Aristia, di Fliunte, fu un poeta tragicoː infatti fu figlio di Pratina di Fliuntee, come il padre, autore soprattutto di drammi satireschi. Inoltre, Aristia è menzionato nella Vita di Sofocle come uno dei poeti con i quali quest'ultimo avrebbe gareggiatoː da altre fonti, poi, è noto che nel 467 a.C. giunse secondo alle Dionisie, portando in scena tragedie composte dal padre, deceduto da poco.

La sua tomba fu vista da Pausania[1] a Fliunte.

OpereModifica

Tra le opere composte da Aristia e citate dalle fonti[2] sono Anteo, Atalanta, Le Chere[3], Orfeo, Tantalo e Il Ciclope[4].

NoteModifica

  1. ^ II 13,5.
  2. ^ Ateneo, XV, 686a; Polluce, VII 31.
  3. ^ Un dramma satiresco.
  4. ^ Anche questo, come le Chere, era un dramma satiresco.

BibliografiaModifica

  • B. Snell-S. Radt, TrGF, vol. 2, n. 9.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN5317546 · GND (DE102381402 · CERL cnp00283530 · WorldCat Identities (EN5317546