Giulio Polluce

retore e lessicografo greco antico

Giulio Polluce (in greco antico: Ιούλιος Πολυδεύκης, Ioúlios Polydeúkēs; Naucrati, ...floruit 183 – ...) è stato un grammatico e lessicografo greco antico.

Indice

BiografiaModifica

Polluce fu discepolo del retore Adriano di Tiro presso Atene, che sostituì nell'esercizio della cattedra di retorica alla sua morte (intorno al 192)[1].

Giulio Polluce morì durante il regno di Commodo (177-192) all'età di cinquantotto anni. Tra i suoi avversari spiccano Luciano di Samosata e Frinico Arabio, contrari al suo genere di eloquenza.[1]

OpereModifica

La sua produzione è per gran parte frammentaria. L'unica opera pervenutaci con estratti considerevoli è l'Ὀνομαστικὸν ἐν βιβλίοις ί (abbreviato in Ὀνομαστικὸν, Onomastikón), scritto intorno al 170 d.C. (pubblicato prima del 177 d.C.) e dedicato all'imperatore Commodo, suo allievo. Si tratta di un elenco di vocaboli e di sinonimi ordinati per argomento e distribuiti in dieci libri, accompagnati da esempi e brevi spiegazioni delle voci. Particolarmente famose sono le sezioni riguardanti le maschere ed i costumi greci (IV libro). Sebbene l'opera sia successiva al periodo classico del teatro greco cui molte voci dell'opera fanno riferimento, l'Onomastikón rappresenta una fonte di informazioni preziosa per la storia del teatro ma anche per la storia degli usi, delle tradizioni e del folklore in generale.[1]

L'opera, composta da dieci libri, tratta rispettivamente:[1]

  1. Degli dèi e del loro culto, dei re, della sollecitudine e dell'indolenza, delle tinture, del commercio e dei manufatti, della fertilità e del suo opposto, del tempo e della divisione dell'anno, delle case, delle navi, della guerra, dei cavalli, dell'agricoltura, dell'aratro e del carro, e delle api
  2. Dell'uomo, delle parti del corpo
  3. Delle relazioni, della vita politica, degli amici, dell'amore per la patria, dell'amore, delle relazioni tra il maestro e lo schiavo, delle monte, del viaggio
  4. Delle varie conoscenze della scienza, delle maschere e dei costumi greci
  5. Della caccia, degli animali
  6. Dei pasti, dei nomi dei crimini
  7. Dei differenti commerci
  8. Della corte, dell'amministrazione della giustizia
  9. Delle città degli edifici, delle monete, dei giochi
  10. Dei vari tipi di vasi.

NoteModifica

  1. ^ a b c d Smith.

BibliografiaModifica

Fonti antiche
  • Suda, s. v. Πολυδεύκης.
  • Filostrato, Vite dei sofisti, II, 12.
Fonti moderne

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica