Apri il menu principale

Arlate

frazione del comune italiano di Calco (Italia)

Geografia fisicaModifica

Situata nei pressi del fiume Adda, la frazione di Arlate dista circa 3 km dal capoluogo comunale di Calco. Si tratta di un piccolo centro abitato posto fra i paesi di Imbersago e Brivio.

StoriaModifica

Il toponimo Arlate pare comparire nel 1086, da antichi documenti di vendita di terreni (“in loco ubi dicitur Arcelate”). Nel 1412 il comune di Arlate prestò giuramento di fedeltà a Filippo Maria Visconti, che aveva riconfermato alla “Martesana superiore” (Monte di Brianza) precedenti esenzioni fiscali. In documenti successivi del Ducato di Milano del 1558, e fino al XVII secolo, Arlate risulta inserita nella pieve di Brivio. In epoca quasi moderna, nel compartimento territoriale dello stato di Milano (editto 10 giugno 1757), Arlate figura già aggregato al comune di Calco, nella pieve di Brivio, compresa sempre nel Ducato di Milano.

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

Architetture religioseModifica

La chiesa di San Colombano (poi dei Santi Colombano e Gottardo) sorge su di un poggio che domina la sponda destra dell'Adda. Fondata prima del 1162, su un edificio sorto in epoca longobarda[1][2]. Comunque la presenza monastica lascia supporre una pertinenza colombaniana dipendente dall'abbazia di San Colombano di Bobbio, fondata da san Colombano nel 614, che vi passò attorno al 612 scendendo lungo l'Adda come avvenne per Vaprio d'Adda ed una fondazione preesistente all'attuale chiesa di Arlate del XI secolo il cui territorio con vari possedimenti era inserito nel grande feudo reale ed imperiale monastico. Successivamente nel 1311 il monastero è delle monache benedettine cluniacensi, poste sotto la protezione del Priore di Pontida, la chiesa venne sottoposta ad un ampio restauro nel 1969.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica