Apri il menu principale

Association Régionale des Éleveurs Valdôtains

L'Association régionale des éleveurs valdôtains (dal francese, Associazione regionale degli allevatori valdostani), abbreviato in AREV, è un'associazione presente nella regione autonoma Valle d'Aosta. Il suo obiettivo è il miglioramento delle razze autoctone, e delle condizioni economiche e di lavoro delle aziende agricole associate.

Storia e descrizioneModifica

Delle associazioni chiamate Comices agricoles sono stati presenti in Valle d'Aosta a partire dalla metà del XIX secolo, il cui obiettivo consisteva nel miglioramento delle razze locali e la promozione dell'allevamento.

Questa eredità ha favorito la creazione nel 1978 dell'AREV. La sua attività si concentra su compiti concernenti sia l'aspetto tecnico che quello di sostegno e rappresentanza degli allevatori valdostani in seno agli organi amministrativi regionali.

La prima funzione si sviluppa attraverso la registrazione dei capi, e di un conseguente servizio di consulenza e di assistenza agli allevatori, in particolare a livello di controllo e di assistenza tecnica.

La seconda funzione ha come obiettivo la promozione dell'attività di allevatore dal punto di vista finanziario, nel quadro della valorizzazione e della commercializzazione delle razze autoctone valdostane. Questa attività si basa sia su gesti quotidiani, per esempio l'etichettatura del bestiame, sia sull'organizzazione di eventi (fiere, mercati e rassegne agricole).

Secondo il suo statuto, l'AREV aderisce all'AIA, l'Associazione Italiana Allevatori. L'AREV è diretta da Édy Bianquin (presidente) e da Édy Henriet (direttore generale).

CifreModifica

L'AREV raccoglie ad oggi la quasi totalità degli allevatori valdostani (circa 1600), non soltanto di bovini (circa 1100 soci), settore di punta della Valle d'Aosta, ma anche ovini e caprini (circa 500 soci).

Nel 2010, il numero di bovini in Valle d'Aosta si aggira attorno a 38000, dei quali il 63% appartiene alla razza pezzata rossa, il 26% alla pezzata castana e alla pezzata nera, e il restante 4% a razze miste (meticce).

Per quanto riguarda gli ovini, l'AREV raccoglie il 61% del totale regionale (poco meno di 3000 esemplari). I caprini AREV costituiscono il 55% del totale, con circa 1500 esemplari.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Valle d'Aosta: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Valle d'Aosta