Apri il menu principale

L'autoinganno è un processo decettivo[1][2][3] di negazione o razionalizzazione che prescinde da rilevanza, significato e importanza di evidenze e argomentazioni logiche opposte ad esso. L'autoinganno consiste nel convincere se stessi, attraverso diverse manovre, di una verità (o dell'assenza di una verità), senza avere alcuna consapevolezza di queste manovre.

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • Elster, J. (2001). Sensazioni forti. Emozioni, razionalità e dipendenza. Bologna: Il Mulino.
  • Fingarette, H. (1969). Self-Deception. London: Routledge & Kegan Paul.
  • Pedrini, P. (2003). Autoinganno. www.swif.uniba.it/lei/mind/topics/autoinganno/Pagina iniziale.htm

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85119723 · GND (DE4054432-1 · BNF (FRcb12066320k (data)
  Portale Psicologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Psicologia