Apri il menu principale
Avetik Isahakyan

Avetik Isahakyan (in armeno Ավետիք Սահակի Իսահակյան; Gyumri, 30 ottobre 1875Erevan, 17 ottobre 1957) è stato un poeta armeno.

Studiò a Echmiadzin, presso il seminario Kevorkian, quindi a Vienna e a Lipsia dove studiò filosofia e antropologia. Iniziò in questa prima giovinezza la sua carriera letteraria e politica. Nel 1895 entrò a far parte del comitato esecutivo di Alessandropoli della Federazione Rivoluzionaria Armena che supportò attraverso la sua attività. Nel 1896 fu arrestato a causa di queste attività Armenia.

Si recò nuovamente all'estero, e all'Università di Zurigo studio Letteratura e Filosofia.

Nel 1898 diede alle stampe la raccolta Canti e ferite, e nel 1902 ritornò in patria e di qui trasferirsi a Tiflis. Dopo un periodo all'estero (1911-1936), si stabilì nell'Armenia sovietica. Tra le sue opere si ricordano Abul Ala Maari (1911), Mger di Sasun (1919) e Ustá Karo.

Nel 1946 ottenne il rinomato Premio Stalin.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN24738496 · ISNI (EN0000 0000 8342 3527 · LCCN (ENn83066764 · GND (DE119041529 · BNF (FRcb13091844h (data) · WorldCat Identities (ENn83-066764