Apri il menu principale
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

L' avvelenamento da cadmio è una condizione clinica caratterizzata dall'assunzione acuta o cronica di cadmio.

Metodi di intossicazioneModifica

Il cadmio solitamente non viene ingurgitato dagli esseri umani, tuttavia gli alimenti possono essere contaminati da scarichi di miniere o comunque acque inquinate. Lo si trova anche nell'aria che viene respirata quando la spazzatura viene bruciata (soprattutto in presenza di plastica o batterie)

SintomatologiaModifica

I sintomi e i segni clinici variano di gravità a seconda della quantità inalata o ingerita, nei casi più gravi troviamo dispnea, cianosi, nausea, febbre, diarrea, tachicardia, edema polmonare.

TardiviModifica

Se l'esposizione o l'assunzione sono croniche i sintomi sono più gravi: anosmia, anemia, tubulopatia renale.

EziologiaModifica

Tale avvelenamento può avvenire tramite ingestione o inalazione del cadmio.

TerapieModifica

Il trattamento prevede oltre all'immediato allontanamento dal luogo di esposizione o la cessazione dei cibi inquinati, anche una terapia di supporto, vi sono alcuni farmaci controindicati come il dimercaprolo poiché potrebbe peggiorare la situazione renale.

PrognosiModifica

La prognosi è nefasta se non viene effettuata un trattamento adeguato e rapido.

Voci correlateModifica

BibliografiaModifica

  • Joseph C. Segen, Concise Dictionary of Modern Medicine, New York, McGraw-Hill, 2006, ISBN 978-88-386-3917-3.
  • Douglas M. Anderson, A. Elliot Michelle, Mosby’s medical, nursing, & Allied Health Dictionary sesta edizione, New York, Piccin, 2004, ISBN 88-299-1716-8.
  • Harrison, Principi di Medicina Interna (il manuale - 16ª edizione), New York - Milano, McGraw-Hill, 2006, ISBN 88-386-2459-3.
  Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina