Axel Graatkjær

direttore della fotografia danese

Axel Graatkjær, nato Axel Graatkjær Sørensen (Aarhus, 19 gennaio 1885Aarhus, 11 novembre 1969), è stato un direttore della fotografia danese.

I suoi primi film sono firmati con il nome di nascita Axel Sørensen.

BiografiaModifica

Nato ad Århus, in Danimarca, da adolescente si trasferì a Copenaghen per studiare musica. Dovette lavorare per pagarsi gli studi, facendo il bigliettaio e vendendo programmi in una sala cinematografica, la Biograf-Theatret di Ole Olsen a Vimmelskaftet. Quell'esperienza lo portò a interessarsi al mondo del cinema. Nel 1906, girò il suo primo film, un filmato di notizie. In quell'anno, Olsen fondava la casa di produzione Nordisk Film, prendendo il giovane Sørensen come suo operatore. Nel 1907, i due girano Løvejagten. Il film diventa un caso e viene proibito perché mostra una caccia dove vengono abbattuti due leoni, comprati apposta per il film da Olsen. Olsen, all'epoca, venne bandito dalla Danimarca e Sørensen, che vi prese parte anche come attore nei panni di un cacciatore, passò un giorno in prigione. Il cortometraggio, contrabbandato all'estero, creò una grande sensazione.

Nel 1910, Sørensen cambiò ufficialmente il suo nome in quello di Graatkjaer. Durante la sua permanenza alla Nordisk, in sette anni, Graatkjaer prese parte a oltre un centinaio di film. Divenne il direttore della fotografia preferito di August Blom, con il quale girò numerosi melodrammi di gran successo. Nel 1913, entrato in disaccordo con la casa di produzione che aveva assunto Johan Ankerstjerne, un secondo direttore della fotografia, lasciò la Nordisk per andare a lavorare per la compagnia tedesca di Asta Nielsen e di suo marito, il regista Urban Gad. Con loro girò undici film. La Nielsen portò con sé in Germania Graatkjaer, che fu direttore della fotografia di alcuni dei suoi film più famosi, quali Mignonette e Amleto[1].

Graatkjaer diventò in quegli anni uno dei fotografi più pagati al mondo. Collaborò con alcuni dei più grandi registi del cinema tedesco come Ernst Lubitsch, Robert Wiene e Friedrich Wilhelm Murnau. Restò a Berlino fin nei primi anni trenta. Tornato in Danimarca, acquistò una fattoria che gestì dal 1932 al 1948. Poi si trasferì a Skanderborgvej, una zona di Århus, la sua città natale[1].

Graatkjaer morì ad Århus l'11 novembre 1969 all'età di 84 anni.

FilmografiaModifica

1906Modifica

1907Modifica

1908Modifica

1909Modifica

1910Modifica

1911Modifica

1912Modifica

1913Modifica

1914Modifica

1915Modifica

1916Modifica

1918Modifica

1919Modifica

1920Modifica

1921Modifica

1922Modifica

1923Modifica

1924Modifica

1925Modifica

1926Modifica

1927Modifica

1928Modifica

1929Modifica

1930Modifica

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN24386266 · ISNI (EN0000 0001 2124 3341 · Europeana agent/base/50254 · LCCN (ENno2007102143 · GND (DE1062399897 · BNE (ESXX4865233 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2007102143