Baby Doll (DC Comics)

(Reindirizzamento da Baby Doll (Batman))
Baby Doll
Lingua orig.Inglese
Alter egoMarion Louise "Mary" Dahl
AutorePaul Dini
Editori
1ª app.1º ottobre 1994 – 11 luglio 1998
1ª app. inBaby Doll
Ultima app. inUna piccola grande amica
app. it.20 ottobre 1994 – 1998
Voci orig.
Voce italianaGianluca Iacono (Batman, Batman - Cavaliere della notte)
SpecieUmano
SessoFemmina
ProfessioneAttrice, criminale, receptionist

Baby Doll, il cui vero nome è Marion Louise "Mary" Dahl, è un personaggio immaginario creato per la serie animata Batman da Paul Dini. È apparsa anche in un episodio di Batman - Cavaliere della notte, in cui si trova al fianco del feroce e spietato Killer Croc.

Nonostante le sue poche apparizioni, Baby Doll gode di una certa popolarità tra gli amanti del Cavaliere Oscuro, e gli episodi con lei protagonista sono stati molto ben accolti dalla critica. È doppiata in originale da Alison La Placa nel primo episodio e da Laraine Newman nel secondo. L'ipoplasia è una malattia reale, anche se colpisce solitamente alcune parti del corpo, quali organi, che sono sottosviluppati nell'adulto.

Indice

BiografiaModifica

La malattiaModifica

Mary Dahl era un'attrice affetta da ipoplasia sistemica congenita, una rara malattia che le impedisce di crescere d'altezza (a vent'anni sembrava ancora una bambina di cinque).

Carriera da attriceModifica

Il successo in televisioneModifica

È diventata famosa per il ruolo da protagonista di uno show televisivo in cui interpretava una bambina combina guai che, quando veniva rimproverata dai genitori, rispondeva sempre con la frase: «Ma io non l'ho fatto apposta!».

Il declinoModifica

Nell'ultima stagione dello show, visto il calo degli ascolti, i produttori introdussero un nuovo personaggio, il cugino Spunky. Questo fece infuriare la Dahl, che li accusava di essere stata messa in secondo piano e abbandonò improvvisamente lo show, riapparendo in una versione di Macbeth. Sfortunatamente, fu stroncata dalla critica che la giudicò terribile. Non ottenne altri ruoli e, resasi conto di aver commesso una leggerezza, si ripresentò ai produttori della sua serie chiedendo di farla ripartire, ma loro rifiutarono.

Carriera criminaleModifica

Il rapimento del cast dello showModifica

Mary Dahl, rimanendo nei panni del suo personaggio, inizia a rapire con l'aiuto di alcuni scagnozzi e la sua guardia del corpo Miriam i suoi ex-colleghi e a portarli nel set del vecchio show, dove racconta loro il suo folle piano di ritornare ad essere di nuovo una famiglia unita e che nulla potrà separarli.

A questo punto, Batman e Robin intervengono, con l'aiuto di una giornalista che possiede le videocassette dello show, nel caso e, riescono ad intrufolarsi nel nascondiglio di Baby Doll travestendo Robin da Spunky e facendolo catturare da Baby Doll; a questo punto Batman ha un breve scontro con Miriam che rimane K.O. e inizia a inseguire la Dahl che si è nascosta in un Luna Park. Qui Mary sfida apertamente il cavaliere nero, parlandogli per la prima volta con la sua vera voce da adulta.

Durante l'inseguimento Batman e Baby Doll si ritrovano in una sala degli specchi dove lei ha una visione di se stessa nella sua forma naturale ma, con le lacrime agli occhi, inizia a sparare agli specchi, comprendendo che quello che avrebbe dovuto essere non sarebbe mai stato, a causa della malattia. Si scopre infine che la cosa che più desiderava Mary Dahl era di essere come tutte le persone normali. e quando termina i colpi Batman la raggiunge e lei piangendo risponde sotto le gambe: «Non l'ho fatto apposta...». Il cavaliere oscuro nonostante tutto, la guarda rattristato comprendendo il suo dolore.

L'alleanza con Killer CrocModifica

Il secondo episodio con lei protagonista inizia con Mary Dahl che lavora come receptionist in un albergo a Gotham, quando poi un uomo ubriaco la riconosce come Baby Doll e inizia a prenderla in giro e lei, presa dall'ira gli sbatte la faccia contro il bancone e torna nella sua camera d'albergo e mentre fa zapping si sintonizza sul processo del feroce criminale Killer Croc, che dopo essere stato insultato dal giudice si libera e scappa per le strade di Gotham, ma viene catturato da Batman. La Dahl, giunta sul luogo dello scontro inizia a piangere.

La scena successiva si svolge nel Manicomio di Arkham dove vediamo la Dahl che fa visita a Croc dicendogli che lo capisce e che forse riuscirà a scappare di lì con qualche "colpo di fortuna". Dopodiché passiamo a lei che, tornata Baby Doll, fa sbandare il camion che sta trasportando Croc e riesce a liberarlo.

L'episodio si sposta a qualche mese dopo dove scopriamo che Baby Doll e Croc sono andati a vivere in una casa nelle fogne, dove progettano i loro colpi; inoltre apprendiamo che la relazione tra i due non è un amore condiviso, infatti Croc non resta troppo a lungo nel loro rifugio ed esce a giocare d'azzardo di sera.

Mentre Batman e Batgirl sono sul Bat-Scafo a perlustrare la zona, incontrano Baby e Croc che mettono in atto il loro colpo su una nave di lusso, tentano di fermarli ma grazie a Baby i due scappano via col bottino.

Baby Doll scopre che Croc la tradisce ma sembra prendere bene la cosa, quando Croc torna nel loro rifugio Baby gli parla del loro colpo grosso.

Intanto, Batman e Batgirl si trovano nelle fogne e, dopo un po' trovano il rifugio segreto, ma vuoto, c'è solo una bambola che si rivela essere una bomba piazzata da Baby Doll nel caso che Batman venisse a ficcanasare, capiscono che Baby e Croc sono alla centrale nucleare e partono a catturarli.

Baby svela infine il suo piano a Croc nella centrale: ha intenzione di perire col suo amato e di portare tutta Gotham assieme a lei, però Batman e Batgirl arrivano giusto in tempo, Batgirl riesce a bloccare il reattore, mentre Batman ha uno scontro con Croc e Baby, che si unisce a Batman dopo che Croc ha tentato di ucciderla. Ma Croc apre un tubo caldo e si ritrova privo di sensi con Baby Doll che piange su di lui.

AbilitàModifica

Come attrice, Mary è in grado di fondersi con una folla di bambini, o di piangere talmente bene da far sentire le persone dispiaciute per lei. È inoltre molto atletica, ed è un genio con i gadget e i macchinari.

AccoglienzaModifica

CriticaModifica

Gli episodi con protagonista Baby Doll sono stati bene accolti dalla critica: il sito statunitense Internet Movie Database dà all'episodio Baby Doll un voto di 8.2/10 ed è ancora oggi considerato uno dei migliori episodi della serie animata.

Il critico sul web Nostalgia Critic ha valutato il suo primo episodio come il secondo migliore episodio della serie animata e ha anche detto che il finale ha il più bel climax della serie.

  Portale DC Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di DC Comics