Balaustium murorum

specie di aracnidi
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Balaustium murorum
Takaradani DSC 9012.jpg
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Phylum Arthropoda
Subphylum Chelicerata
Classe Arachnida
Superordine Acariformes
Ordine Trombidiformes
Sottordine Prostigmata
Superfamiglia Erythraeoidea
Famiglia Erythraeidae
Sottofamiglia Balaustiinae
Genere Balaustium
Specie B. murorum
Nomenclatura binomiale
Balaustium murorum
(Hermann, 1804)
Nomi comuni

Ragnetto rosso

Balaustium murorum (Hermann, 1804) è un aracnide appartenente alla sottoclasse degli acari, all'ordine dei trombidiformi e alla famiglia Erythraeidae[1][2]; in italiano è detto comunemente ragnetto rosso dei muri, sebbene non sia un ragno.

DescrizioneModifica

È una specie predatrice, che si nutre di larve di altre specie dannose per gli alberi, come quelle di Zeiraphera diniana[2][3] e di Halotydeus destructor[4], nonché di escrementi di uccello[2]. Si muove velocemente e in maniera disordinata[5]. Il colore rosso, dovuto ad un'emolinfa ricca di carotenoidi, è un aposematismo che serve per avvisare i predatori che l'acaro non è buono da mangiare[2].

Appare sull'esterno e anche all'interno degli edifici in primavera e autunno, ritirandosi d'estate per evitare il troppo caldo ed entrando in letargo d'inverno[2][5]; depone le proprie uova all'interno di crepe nei muri e nel suolo[5].

È innocuo per l'uomo[2][5], salvo per persone che gli sono allergiche a cui il contatto potrebbe causare dermatiti[2]. Viene spesso confuso con altre specie d'aspetto simile, come Bryobia[5], Tetranychus urticae e Trombidium holosericeum[2]; a causa della confusione con le prime due specie, che sono parassiti della vegetazione, viene talvolta riportato che Balaustium murorum e Trombidium holosericeum sarebbero dannosi per le piante, tuttavia ciò è falso[2].

NoteModifica

  1. ^ (SV) Art: Balaustium murorum, su Dyntaxa. URL consultato il 20 maggio 2015.
  2. ^ a b c d e f g h i Alessandro Mattedi, Acari ricaricabili: i “ragnetti rossi” dei muri, su Italia Unita per la Scienza, 22 maggio 2015. URL consultato il 25 aprile 2017.
  3. ^ Gerson et al., p. 128.
  4. ^ Hoy, pp. 141, 142.
  5. ^ a b c d e Cornwell, p. 32.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

  Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi