Apri il menu principale
Baldassarre Turini
vescovo della Chiesa cattolica
Baldassarre.JPG
BishopCoA PioM.svg
 
Incarichi ricopertiDatario di papa Leone X Nunzio apostolico presso l'imperatore Carlo V
 
Nato1486 a Pescia
Deceduto1543 a Roma
 

Baldassarre Turini (Pescia, 1486Roma, 1543) è stato un vescovo cattolico italiano, nunzio apostolico.

BiografiaModifica

Nacque nel 1486 a Pescia, uno dei principali centri della Valdinievole, da una famiglia mecenate illustre. Studiò legge ed ebbe contatti con la famiglia de' Medici, specialmente con il card. Giovanni de' Medici, che nel 1513 divenne papa con il nome di Leone X. Si spostò dunque a Roma per ricevere l'importante incarico di datario del papa. Sarebbe dovuto diventare cardinale se nel 1521 la morte non avesse sorpreso papa Leone X.

Nel corso del pontificato di papa Adriano VI dovette lasciare tutte le sue attività per poi prendere l'incarico di nuntius sotto papa Clemente VII, altro esponente della famiglia de' Medici. Era diventato anche magister viarium, il cui compito prevedeva la soprintendenza all'attività edilizia della città di Roma.

Era anche amministratore dei palazzi delle famiglie Medici e Strozzi. Papa Paolo III lo nominò chierico della camera apostolica e lo adoperò nelle occasione particolari, tra le quali, la visita di Carlo V nel 1536. Proprio papa Farnese lo consacrò vescovo e lo inviò come nunzio apostolico presso l'imperatore. Ebbe legami con artisti come Leonardo e Raffaello, che lavoravano a Roma, ai quali egli commissionò numerose opere. Fu molto amico di Giulio Romano, architetto e pittore, che a sua volta realizzò tra il 1518 e il 1531 una villa per il vescovo Turini sul Gianicolo.In seguito, alla morte del vescovo, la villa passò alla famiglia Lante, da cui prese il nome che oggi porta.

Baldassarre Turini morì nell'ottobre del 1543. Sepolto nella Chiesa di Sant'Eustachio a Roma, fu traslato a Pescia nella cappella di famiglia presso la Cattedrale di Maria Santissima Assunta, dove Raffaello da Montelupo gli progettò il sepolcro.

BibliografiaModifica

G. Di Piramo, La Chiesa di Pescia, le origini, i vescovi, diocesani illustri, Pescia 1981