Barocco edoardiano

Il termine Barocco edoardiano si riferisce a uno stile di revival neobarocco diffuso nei territori dell'impero britannico durante l'età edoardiana (1901–1910).

Tempio massonico, Aberdeen, Scozia 1910

Le caratteristiche peculiari del barocco edoardiano hanno due principali riferimenti: l'architettura francese del XVIII secolo e quella progettata da Christopher Wren in Inghilterra durante il XVII secolo. Uno dei più importanti architetti del barocco edoardiano fu Sir Edwin Lutyens, il quale disegnò molti edifici soprattutto commerciali e coniò il termine di 'the Grand Style' per definire il barocco edoardiano. Questo periodo per l'architettura inglese fu un momento particolarmente retrospettivo, così come la contemporanea Art Nouveau.

I dettagli tipici del barocco edoardiano sono caratterizzati da forme pesanti al piano terreno che vanno via via addolcendosi e raffinandosi man mano che si raggiunge la sommità dell'edificio, solitamente completato da una cupola; riprendendo elementi del barocco italiano, ritroviamo serrature esageratamente decorate oltre ad archi segmentati e pendenti, colonne e colonnati di stile ionico oltre a torri e pinnacoli come quelli progettati da Wren al Royal Naval College di Greenwich.

Esempi notevoliModifica

Regno Unito

Nuova Zelanda

Australia

Canada

Hong Kong

India

  • Chowringhee Mansions, Calcutta
Singapore
Malaysia

NoteModifica

  1. ^ Detailed Record, su imagesofengland.org.uk. URL consultato il 22 dicembre 2010 (archiviato dall'url originale il 5 giugno 2011).
  2. ^ Copia archiviata, su arthouse.dircon.co.uk. URL consultato il 13 maggio 2007 (archiviato dall'url originale il 30 aprile 2006).

Collegamenti esterniModifica

  Portale Architettura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di architettura