Barry McGuire

cantautore statunitense

Barry Eugene McGuire (Oklahoma City, 15 ottobre 1935) è un cantautore statunitense.

Barry McGuire
NazionalitàBandiera degli Stati Uniti Stati Uniti
GenereRock
Periodo di attività musicale1962 – in attività
GruppiNew Christy Minstrels
Sito ufficiale

Carriera

modifica

Dopo aver pubblicato un singolo nel 1961 The Tree, Barry McGuire forma un duo con Barry Kane, che diventeranno i New Christy Minstrels nel 1962. Tuttavia nel 1965 dopo aver registrato l'album Chim Chim Cher-ee, al termine della tournée europea che li vede anche in gara - e vincitori - al Festival di Sanremo, McGuire lascia il gruppo e prosegue la propria carriera come solista.

Come solista di rock-folk degli anni sessanta, McGuire diventa popolare principalmente per i brani Eve of Destruction e Sins of the Family[1], entrambi scritti da P.F. Sloan. Altri suoi successi sono stati Child of Our Times, scritto insieme a Steve Barri e Cloudy Afternoon (Raindrops), composto da Travis Edmonson. Eve of Destruction il 25 settembre 1965 arrivò alla prima posizione della Billboard Hot 100, la prima e l'unica volta che McGuire entrò nella top 40 pop statunitense.

McGuire è apparso nei film del 1967 The President's Analyst con James Coburn, Old Wrangle ed in Werewolves on Wheels del 1971. McGuire ha anche preso parte per un anno al musical di Broadway Hair (musical).

Dagli anni settanta ha abbracciato la religione cristiana, aderendo al movimento musicale del christian rock e pubblicando alcuni album per la Myrrh Records, che lascerà nel 1976. Gli album successivi della carriera di McGuire saranno pubblicati dalla Sparrow Records, anche se nel 1980 deciderà di ritirarsi dall'industria discografica e ritirarsi a vita privata in Nuova Zelanda.

Negli anni novanta Barry McGuire tornerà negli Stati Uniti, e si unirà con Terry Talbot per registrare con il nome collettivo Talbot McGuire. Il duo ha pubblicato quattro album dal 1996 al 2000. Nel 2008 McGuire girerà l'America in tour, insieme al collega John York.

Controversie

modifica

La sua canzone Eve of Destruction venne censurata in alcuni stati USA, e anche da Radio Scotland[2][3]. Venne posta in una "lista con restrizioni" dalla BBC e non fu possibile riprodurla in "programmi di intrattenimento generico".[4]

Discografia parziale

modifica
  • Barry Here and Now (1962)
  • The Barry McGuire Album (1963)
  • Eve of Destruction (1965)
  • This Precious Time (1965)
  • The World's Last Private Citizen (1967)
  • McGuire and the Doctor (1971)
  • Seeds (1973)
  • Lighten Up (1974)
  • Narnia (1974)
  • Jubilation (1975)
  • To the Bride (1975)
  • Eve of Destruction (Star Power) (1975)
  • C'mon Along (1976)
  • Anyone But Jesus (1976)
  • Jubilation Two (1976)
  • Have You Heard (1977)
  • Cosmic Cowboy (1978)
  • Inside Out (1979)
  • Best of Barry McGuire (1980)
  • Finer Than Gold (1981)
  • Pilgrim (1989)
  • Let's Tend God's Earth (1991)
  • When Dinosaurs Walked The Earth (1995)
  • Ancient Garden (1997)
  • Frost And Fire (1999)
  • Eve Of Destruction (20 Inspirational Classics) (2000)

Singoli

modifica
  1. ^ Alessio Brunialti, Folk USA: 100 album fondamentali, in Mucchio Extra, Stemax Coop, #28 Inverno/Primavera 2008.
  2. ^ Robert Chapman, Selling the Sixties: The Pirates and Pop Music Radio, ISBN 0-415-07970-5.
  3. ^ Peter Blecha, Taboo Tunes/A History of Banned Bands & Censored Songs, 2004, ISBN 0-87930-792-7.
  4. ^ (EN) Unfit for Auntie's airwaves: The artists censored by the BBC, su The Independent, 14 dicembre 2007. URL consultato il 27 ottobre 2021.

Altri progetti

modifica

Collegamenti esterni

modifica
Controllo di autoritàVIAF (EN74046222 · ISNI (EN0000 0000 8394 3266 · Europeana agent/base/64101 · LCCN (ENn89118633 · GND (DE133679381 · BNF (FRcb13983743q (data)