Apri il menu principale

Bartolomeo Averoldi

vescovo cattolico italiano
Bartolomeo Averoldi
arcivescovo della Chiesa cattolica
Coa fam ITA averoldi.jpg
 
Incarichi ricopertiArcivescovo di Spalato
 
Nato1413 circa a Brescia
Nominato arcivescovo17 settembre 1479 da papa Sisto IV
Deceduto1503 a Verona
 

Bartolomeo Averoldi (Brescia, 1413Verona, 1503) è stato un arcivescovo cattolico italiano.

BiografiaModifica

Al termine degli studi a Bologna, Bartolomeo Averoldi aderì all'Ordine degli Umiliati, e a soli 23 anni e a capo della prepositura di Contignaga. Passa poi alla parrocchia di Gambara, ed è poi chiamato a ricoprire la carica di vicario dell'Ordine. Stava allora cercando di ottenere la guida dell'abbazia di Sant'Eufemia a Brescia, quando invece il papa stesso, nel 1451, lo chiamò a presiedere la bene più ricca Badia Leonense.[1] Il monastero di Leno era, a quel tempo, in grosse difficoltà e andava prendendo piede l'ipotesi di aggregarlo alla riformata Congregazione Cassinese che faceva capo a Santa Giustina di Padova. L'Averoldi nel 1471 infatti stipulò l'ingresso dell'abbazia di Leno nella Congregazione, come per altro avevano già fatto molti altri istituti benedettini, ma non se ne fece nulla. Così otto anni più tardi il vescovo di Spalato, Pietro Foscari, avanzò la proposta di scambiare la sede vescovile dalmata con la cessione in commenda del monastero lenese.[1] L'Averoldi, persona più interessata all'avanzamente carrieristico piuttosto che al benessere della comunità benedettina di Leno, accettò la richiesta del Foscari, ricevendo così la cattedra episcopale. Ma l'ambizioso carattere di Averoldi non poté accontentarsi della periferica Spalato e profuse tutto il suo impegno per ottenere diocesi più rilevanti come Treviso e soprattutto Brescia, ma senza risultato. La morte lo colse a Verona nel 1503.[1]

NoteModifica

  1. ^ a b c La cessione in commenda di Leno e la personalità di Bartolomeo Averoldi, a cura di Mauro Tagliabue (PDF), su www1.popolis.it. URL consultato il 20 giugno 2012 (archiviato dall'url originale il 6 giugno 2006).

Voci correlateModifica